Home Economia AbbVie si rifà il look: Acquistata Allergan, l’azienda del Botox

AbbVie si rifà il look: Acquistata Allergan, l’azienda del Botox

AbbVie siAbbVie si rifà il look Acquistata Allergan, l'azienda del Botox rifà il look Acquistata Allergan, l'azienda del Botox

AbbVie Inc, l’azienda multinazionale attiva nel settore biofarmaceutico e focalizzata sulla ricerca, lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti farmaceutici, ha deciso: si rifà il look ed acquista la famosa compagnia produttrice del Botox, la Allergan. Quest’ultima è un’azienda irlandese anch’essa operante nello stesso settore che ha da sempre caratterizzato l’offerta di farmaci, sin dalla sua nascita recente, nel 2015, ed ora sembra destinata ad essere inglobata.

AbbVie Inc con questa mossa, vuole ampliare ed estendere i settori di business dove opera, aggiungendo i punti di forza dell’azienda farmaceutica irlandese, ovvero: estetica medica e cura degli occhi.

Il prodotto con il quale è conosciuta, il Botox, è stato realizzato basandosi sull’utilizzo della tossina botulinica, una proteina neurotossica prodotta dal batterio Clostridium botulinum. Grazie a piccole iniezioni, opportunamente modulate e infiltrate da una mano capace, si riescono ad ottenere paralisi muscolari che tendono la pelle ed eliminano gli inestetismi del contorno occhi e di altre zone.

AbbVie acquisterà Allergan con un’operazione mista cash e carta, per un controvalore pari a 63 miliardi di dollari: gli azionisti dell’azienda irlandese riceveranno per ogni azione detenuta 0,8660 azioni AbbVie e 120,30$ in contanti. Un premio del 45% rispetto alla quotazione di lunedì dell’azienda acquirente.

Gli obiettivi economici previsti da quest’operazione, dovrebbero ripercuotersi positivamente sugli azionisti: dopo l’accordo si prevede un +10% all’utile per azione rettificato nel primo anno successivo alla data di chiusura dell’operazione.

AbbVie vuole diversificare la sua gamma di prodotti anche perché la terapia Humira contro le malattie infiammatorie, cui detiene i diritti in esclusiva, sta per terminare il periodo di tutela e sarà soggetta alla concorrenza anche di farmaci generici, facendo perdere il ruolo di leadership consolidato. Viceversa, Allergan è sia nota per il Botox, ma produce anche farmaci legati ed utilizzati in diversi altri settori medici: ottica, gastroenterologia, trattamento del SNC (Sistema Nervoso Centrale).

Dopo l’acquisizione, AbbVie lascerà la sede in Delaware, ma cambierà leggermente la Governance. Alla guida rimarrà Richard Gonzalez nel ruolo di presidente e amministratore delegato, ma due membri del consiglio di amministrazione saranno i vertici di Allergan (sicuramente l’amministratore delegato di Allergan, Brent Saunders).

La società americana ha già fatto il computo del fabbisogno per sostenere l’operazione e delle fonti da impiegare: a tal proposito mira ad ottenere un super prestito da parte di Morgan Stanley e del suo partner giapponese MUFG. Questi due si sono già detti disponibili a mettere a disposizione ben 38 miliardi di dollari; a questa cifra AbbVie aggiungerà la liquidità disponibile derivante dal cash flow e dal patrimonio presente a bilancio.