Home Economia Personale Agevolazioni Acquisto Auto Legge 104, chi ha Diritto?

Agevolazioni Acquisto Auto Legge 104, chi ha Diritto?

Agevolazioni Acquisto Auto Legge 104, chi ha Diritto

La Legge 5 febbraio 1992 °104, conosciuta e oramai presente nel linguaggio comune con la dicitura “Legge 104” è una norma per la tutela dei diritti delle persone che hanno delle disabilità.

Non volendo entrare nel dettaglio della norma, possiamo comunque accennare ai principi generali della stessa affinché il lettore comprenda le dinamiche previste e il diritto di chi rientra nella categoria, di acquistare un’auto a prezzo agevolato.

 

Chi ha Diritto

I soggetti aventi diritto, per legge, di essere inseriti alle dinamiche previste e ai benefici derivanti dall’applicazione della legge 104, sono:

  • Disabili visivi.
  • Disabili uditivi.
  • Disabili visivi e uditivi.
  • Disabili autistici.
  • Disabili psichici-mentali.
  • Disabili con Sindrome di Down.
  • Disabili mutilati.
  • Disabili motori.

Per beneficiare della Legge 104, occorre sottoporsi a visita medica presso una commissione mista dell’ASL, formata da dottori competenti nella materia per la quale si presenta la domanda.

Alcuni diritti e benefici inseriti direttamente nella legge 104 sono:

  • 3 giorni di permesso dal lavoro se il disabile è impiegato, ovvero 3 giorni di permesso dal lavoro al familiare lavoratore che assiste un familiare in situazione di gravità.
  • Spese sanitarie deducibili.
  • IVA agevolata al 4% per acquisto protesi, sussidi e strumenti tecnologici (smartphone, computer, etc.).
  • IVA agevolata per l’acquisto di un’auto e la trasformazione del veicolo per essere destinato al trasporto di persone con handicap.
  • Esenzione tassa di concessione governativa sugli abbonamenti della telefonia mobile.
  • Esenzione dal bollo auto.
  • Detrazione 19% per l’acquisto di beni dei disabili.

Non tutti hanno diritto alle agevolazioni fiscali. Quelle per l’acquisto di un’auto sono concesse a chi ricade nelle categorie previste all’articolo 3, comma 3 della legge 104.

Il problema sovviene nel sistema di pagamento possibile nel caso il soggetto abbia diritto agli sgravi fiscali derivanti dalla 104 per l’acquisto di un veicolo. Se il titolare del diritto non dovesse avere la liquidità necessaria a pagare il concessionario, possono i familiari versare l’importo in sua vece senza incorrere in problematiche con l’Agenzia delle Entrate che dovrebbe confermare il diritto al beneficio fiscale?

Innanzitutto va sottolineato come l’acquisto agevolato e la detrazione siano soggetti ai requisiti di ridotte o impedite capacità motorie permanenti, come stabilito dall’articolo 3 comma 3 della legge 104 richiamata ed è obbligo del titolare del diritto dimostrare il possesso di questi, oltre a mostrare la fattura d’acquisto dell’auto.

Nella stessa legge si parla espressamente della possibilità di detrazione sia per il disabile, ovvero per il familiare cui risulti a carico.

Nulla è indicato, viceversa, per il pagamento possibile, quindi la detrazione, se si ha diritto, è dovuta in ogni caso, anche se il titolare del diritto non dovesse essere lo stesso che paga il concessionario, utilizzando qualsiasi metodo di pagamento.

Nella circolare n° 13/E del 31/05/2019 dell’Agenzia delle Entrate, si è dedicato molto spazio ad evidenziare le dinamiche relative alle spese sostenute per l’acquisto di un veicolo il cui titolare sia un disabile: è stato inoltre stabilito l’elenco esaustivo degli incartamenti e dei documenti da conservare necessari alla procedura ed i requisiti da possedere, a pagina 66.