Alimenti per Sportivi e Salutisti: Spezie e Segreti di Curcuma, Pepe Nero, Peperoncino, Cannella e Zenzero

Alimenti per Sportivi e Salutisti Spezie e Segreti di Curcuma, Pepe Nero, Peperoncino, Cannella e Zenzero

Se siamo dei tipi attivi e ci piace fare sport ovvero siamo dei salutisti che seguono sistematicamente dogmi e regole di vita per sostenere un buon benessere psico-fisico, sappiamo che, oltre l’attività fisica e alcune abitudini malsane, l’alimentazione ricopre un ruolo fondamentale per sentirci in forma e riuscire a recuperare bene da uno sforzo atletico.

Non solo. In cucina non serve porre l’attenzione solo sui piatti e i cibi che mangiamo, ma anche le spezie possono venirci in aiuto e rappresentare veri e propri benefici di ogni tipo. A seconda della loro natura, esistono delle spezie che hanno un effetto antiossidante, antinvecchiamento dei tessuti e antiaging, mentre altre sono dei veri e propri antinfiammatorie e antisettici naturali, una sorta di integratori veri e propri.

Tra le numerose spezie presenti nel mondo, cinque di queste presentano tutte queste caratteristiche e sono particolarmente indicate per chi fa sforzi fisici ovvero vuole restare in forma:

  • Curcuma.
  • Pepe Nero.
  • Peperoncino.
  • Zenzero.
  • Cannella.

Cerchiamo di capire, sinteticamente, quali proprietà abbiano singolarmente queste spezie e come fare ad amplificarne gli effetti, senza abusarne, ma ottimizzandone il consumo. Come ben sappiamo, il troppo stroppia sempre, non solo dal punto di vista atletico, ma anche a tavola.

Curcuma

Vera e propria spezia dalle proprietà incredibili (qui trovate l’articolo che ne descrive, nel dettaglio, usi, benefici e possibili controindicazioni), la curcuma possiede un principio attivo detto curcumina, che agisce direttamente in contrasto ai dolori muscolari tipici del post-attività sportiva.

Spesso, dopo aver fatto sport, sentiamo dei dolori che tendono a permanere: si tratta dei dolori muscolari tardivi, quel particolare processo fisiologico per il quale il nostro corpo reagisce, in base a determinate dinamiche chimiche-fisiologiche, dopo lo sforzo atletico.

Condizione frequente nelle persone che si allenano su discipline basate sulla resistenza pura, successivamente al training stesso, la curcuma può aiutare e coadiuvare la fase di recupero in ragione delle sue proprietà specifiche.

Queste proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, sono molto importanti non solo per quanto concerne gli sportivi: secondo alcuni studi specifici, la curcumina, il principio attivo contenuto nella curcuma, è direttamente correlato a una diminuzione del rischio di contrarre il morbo di Alzheimer. Questo perché agisce rafforzando il sistema immunitario, di contrasto ai fenomeni eziologici riconosciuti della malattia.

Pepe Nero

Molto utilizzato in cucina, proprio perché parte della nostra tradizione culinaria, il pepe nero è spesso stato al centro di un contraddittorio vero e proprio. Se, da un lato, alcuni scienziati pensavano che questa spezia facesse male, soprattutto se abusata, dall’altro altri puntano il focus sugli aspetti positivi nell’utilizzo di questo particolare pepe.

Il Pepe Nero ha infatti proprietà energetiche riconosciute, stimolando il metabolismo e, alla pari del peperoncino, favorendo la circolazione sanguigna e l’afflusso di sangue nei tessuti. Questo coadiuva un repentino recupero da uno sforzo atletico e consente di ottenere benefici per la salute anche se non si è sportivi. Fermo restando il principio secondo il quale non bisogna abusarne.

Oltre a questo, il pepe nero contiene la piperina, un principio attivo che è in grado di potenziare e amplificare gli effetti benefici della curcuma, di cui abbiamo parlato in precedenza.

Peperoncino

Citato già quando abbiamo parlato del pepe, il peperoncino aumenta e coadiuva l’afflusso di sangue nei tessuti, consentendo così un’accelerazione del metabolismo stesso e una normalizzazione di uno stato corporeo ottimo.

Il peperoncino presenta anche note proprietà depurative, oltre che asettiche: assumerlo, in dosi non elevate e in base al tipo di peperoncino stesso (ne esistono tantissime varietà, tutte con caratteristiche diverse), coadiuva l’organismo nella sua attività di espulsione delle tossine e degli elementi nocivi.

Il peperoncino, cosa che molti non sanno, è ricco di vitamina C, quell’acido ascorbico fondamentale per il sistema immunitario. La presenza di questa vitamina consente allo sportivo di disintossicarsi, ovvero eliminare le tossine, dopo l’allenamento. Utilizzare il peperoncino, magari insieme alle altre spezie in un centrifugato, dopo un workout, rappresenta una scelta vincente per velocizzare il processo di recupero.

Oltre a questo, il peperoncino aiuta a prevenire da infarti e ictus (trovi qui l’articolo e la ricerca che spiega perché): mangiarlo significare stare bene in salute e aiutare il nostro benessere psico-fisico, non solo se pratichiamo uno sport.

Zenzero

Lo zenzero è una radice oramai entrata, di diritto, nell’uso comune. Utilizzata da molte persone in ragione delle proprietà depurative e del fatto che contrasti i tipici malanni della stagione invernale, quali raffreddore e mal di gola, lo zenzero si rivela perfetto anche per gli sportivi.

Chi pratica la corsa spesso soffre di disturbi gastrointestinali come acidità, reflusso gastroesofageo, ovvero mal di stomaco: lo zenzero allevia questi disturbi ed è un antiemetico naturale, ovvero ha un’efficacia fitoterapica contro la nausea e la sensazione di rigetto, azione contro la quale spesso gli sportivi devono porre rimedio soprattutto nel caso di grandi sforzi prolungati.

Lo zenzero, in ragione di tutte queste caratteristiche, viene utilizzato in entrambe le fasi dagli sportivi: sia pre, sia post workout.

Non finisce qui. Questa spezia è utile anche per lenire i dolori in ragione delle note proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche che riducono direttamente quel processo chimico tipicamente riconosciuto come stress ossidativo.

Se ci piace correre e vogliamo evitare tutti i postumi di quest’attività, prepariamo una bevanda a base di limone, zenzero e un cucchiaino di miele: sarà un toccasana vero e proprio per il nostro corpo.

Lo zenzero, inoltre, è molto utilizzato e utile anche per chi soffre di emicrania, ovvero palesa un mal di testa: provare per credere.

Cannella

Dal sapore intenso e molto dolce, utilizzata in diversi preparati e dolci, tipico ingredienti degli Stati del Nord Europa, la cannella ha effetti molto importanti a causa della sua azione ipoglicemizzante (abbassa il livello della glicemia) che ne contraddistingue l’utilizzo fitoterapico anche per chi soffre di diabete.

La cannella, dunque, è importante e utilizzabile per uno sportivo che voglia e debba tenere sotto controllo i livelli glicemici durante l’attività sportiva stessa, in modo da evitare picchi o crolli di zucchero e riuscire ad avere un rilascio omogeneo dell’energia senza rischiare di andare in crisi glicemica.

Oltre a questo, la cannella si presenta come una spezia davvero incredibilmente utile a tutti: possiamo utilizzarla come dolcificante, al posto del saccarosio, ovvero lo zucchero raffinato. Così facendo godremo di un sapore dolce, ma sano al tempo stesso, senza gli effetti negativi dello zucchero.