Home Assicurazioni Assicurazione Motore Marino per Natanti, Navi e Imbarcazioni

Assicurazione Motore Marino per Natanti, Navi e Imbarcazioni

Assicurazione Motore Marino per Natanti, Navi e Imbarcazioni

Stipulare una polizza assicurativa non è obbligatorio solo quando si viaggia sulla terra ferma, infatti la Legge impone che si possiede un’assicurazione anche quando si naviga in mare, in quanto le imbarcazioni a motore sono considerate potenzialmente pericolose. Ma che cos’è un’Assicurazione Motore Marino per Natanti, Navi e Imbarcazioni.

Come Funziona

Secondo quanto stabilito dalla Legge Italiana sono obbligate a sottoscrivere una polizza assicurativa, oltre alle auto e i ciclomotori, anche tutte le unità da riporto, in quanto anche questi mezzi di trasporto possono anche essere responsabili degli eventuali danni causati a terzi e, in questo caso specifico il massimale minimo è fissato a:

  • 2 milioni 500 mila euro

Vengono considerate unità da riporto, la cui navigazione per Legge è consentita solo ed esclusivamente nelle acque marittime ed interne, i seguenti mezzi:

  • Natanti
  • Navi
  • Imbarcazioni il cui utilizzo non deve avere nessun fine commerciale ma sportivo o ricreativo

All’interno di questa categoria non appartengono invece le imbarcazioni il cui utilizzo è finalizzato per la pesca professionale, oppure per attività commerciali. Mentre, le barche a vela sprovviste di motore ausiliario e quelle a vela non sono obbligate ad essere assicurate.

Di per sé un’Assicurazione Motore Marino ha le stesse caratteristiche di una comune Rc Auto, anche se ovviamente un imbarcazione è un mezzo di trasporto totalmente diverso da un veicolo che circola sulla terra ferma.

 

Polizza Base e Coperture Extra

Infatti anche in questo caso è possibile stipulare una polizza base, oppure se si vuole essere ancora più sicuri (e in mare la sicurezza non è mai troppa), si può decidere di accendere un’assicurazione che permette di coprire:

  • Gli eventuali infortuni incidenti che potrebbero capitare ai membri dell’equipaggio
  • danni, che malauguratamente, potrebbero essere cagionati a terze persone che viaggiano sull’imbarcazione
  • Corpi macchine
  • I naviganti che svolgono attività agonistiche oppure professionali

Un’altra cosa esternamente importante, che non si deve dimenticare per nessun motivo è che il certificato e il contrassegno dell’Assicurazione si devono sempre trovare a bordo, mentre il contratto è un documento che non è assolutamente necessario avere dietro.

 

Imbarcazioni Ormeggiate

Esattamente come vale per le automobili e i ciclomotori, che non possono sostare senza RCA su suolo pubblico, lo stesso vale per le imbarcazioni che sono obbligate ad essere coperte da una polizza assicurativa anche quando vengono ormeggiate (parcheggiate per capirci) all’interno del porto e/o una rimessa per le barche. A stabilirlo è stata la Corte di Cassazione, la quale ha dichiarato:

  • L’ormeggio è un momento della navigazione durante il quale viene utilizzato un luogo non privato, aperto alla navigazione di altre imbarcazioni ed al transito di soggetti indeterminati“.

Inoltre, questo principio deve essere obbligatoriamente applicato anche per quando parliamo di polizze assicurative su motori marini amovibili, che a differenza dei motori entrobordo che sulle imbarcazioni sono montati di serie, in questo caso si tratta di una tipologia di motore che si può smontare e montare su un altro mezzo nautico e, in questo caso specifico la polizza assicurativa viene estesa sul natante in cui esso viene inserito.