Home Imprenditoria Bollette, dal 1 Gennaio 2021 circa 200 mila piccole e medie imprese...

Bollette, dal 1 Gennaio 2021 circa 200 mila piccole e medie imprese passeranno al mercato libero

Dal prossimo anno, più precisamente dal 1 Gennaio 2021, ci sarà una rivoluzione sulle Bollette o meglio per le piccole e medie imprese, che allo stato attuale sono collegate in bassa tensione, scatterà il passaggio al mercato libero uscendo così dal servizio di maggior tutela.

 

Bollette, cosa cambia con il passaggio da maggior tutela al mercato libero

Fino al 24 Luglio 2020 l’Area (ovvero l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente) ha messo a disposizione un Documento che è possibile consultare in merito a questa transazione, al cui interno sono riportate le modalità che consentono di passare al mercato libero nel modo più opportuno.

Sostanzialmente si tratta di una prestazione le cui condizioni economiche erogate saranno stabilite dall’Ente, il quale si baserà su dei criteri specifici al fine di evitare che il prezzo che verrà applicato all’utente finale subisca, molto rapidamente, delle variazioni poco convenienti.

Tramite l’assegnazione a regime, ovviamente alla fine del periodo di transazione, con un’apposita gara faranno la loro comparsa gli operatori selezionati e il passaggio avverrà nei seguenti tempi e modalità:

  1. Per piccole e medie imprese (ovvero le aziende che hanno un minimo di 10 dipendenti e un massimo di 50, il cui fatturato annuale non supera i 50 milioni di Euro), le quali non hanno un contratto di fornitura del mercato libero ma sono collegate a bassa tensione, da 1 Gennaio 2021 si attiverà il passaggio al servizio di tutele graduali
  2. Le microimprese (ovvero le aziende che hanno un massimo di 10 dipendenti, un fatturato annuo che supera i 2 milioni di Euro e che impiegano una potenza energetica fino a 15 kilowatt) continueranno a godere del servizio di maggior tutela fino al 1 Gennaio 2022, dopodiché anche per loro si attiverà il passaggio al servizio di tutele graduali

Inoltre, è bene sapere che durante tutto il periodo di transazione le condizioni economiche resteranno pressoché simili a quelle del servizio di maggior tutela, mentre per quanto riguarda i costi di approvvigionamento questi saranno dati in base ai prezzi a consuntivo del mercato all’ingrosso, il che vuol dire che saranno più o meno in linea con gli attuali.