Home Economia Personale Bonus Babysitter e Centri Estivi, l’INPS ha aggiornato la procedura per farne...

Bonus Babysitter e Centri Estivi, l’INPS ha aggiornato la procedura per farne richiesta

Babysitter

Le famiglie che hanno figli con meno di 12 anni  possono fare richiesta del Bonus Babysitter e Centri Estivi, a patto però che nessuno dei due genitori percepiscano altre forme di sostegno al reddito, oppure che uno dei due risulti disoccupato oppure non lavoratore, in quanto in questi specifici casi la cumulabilità è vietata per incompatibilità.

 

Bonus Babysitter e Centri Estivi, chi ne ha diritto

Il Bonus Babysitter può essere richiesto solo ed esclusivamente da chi rispetta determinati requisiti, ovvero l’INPS (l’Ente Nazionale di Previdenza Sociale) lo eroga alle seguenti categorie di lavoratori:

  1. Dipendenti privati
  2. Iscritti alla gestione separata
  3. Autonomi che hanno effettuato l’iscrizione all’INPS oppure alle casse private
  4. Operatori Sanitari, Infermieri e Medici
  5. Tecnici di Laboratorio di Radiologia Medica oppure Biomedico

Dopo aver inviato la domanda per via telematica e aver compilato il form presente sul sito dell’INPS, o in alternativa essersi fatti supportare dal Patronato, l’Ente di Previdenza Sociale erogherà il Bonus tramite il Libretto di Famiglia (del quale è possibile usufruirne solo dopo essersi registrati tramite l’applicazione dedicata). L’importo, che a seconda dei singoli casi può oscillare da un minimo di 1.200 Euro fino a un massimo di 2.000 Euro, verrà erogato entro 15 giorni.

Invece, per quanto riguarda il Bonus Centri Estivi questo potrà essere richiesto indicando la Regione Sociale, il Codice Fiscale oppure la Partita Iva e la tipologia di struttura in cui si intende mandare il proprio figlio, di seguito riportiamo l’elenco di quelle ritenute idonee con l’indennizzo:

  1. Centri per attività diurne
  2. Centri che svolgono attività educative-ricreative
  3. Ludoteche
  4. Asili Nido
  5. Servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia, i centri per bambini genitori oppure gli spazi gioco
  6. Centri diurni di protezione sociale
  7. Centri per le famiglie
  8. Asili e servizi per la prima infanzia

Per ricevere questo Bonus occorre indicare, al momento in cui si effettua la domanda, la scelta che si preferisce tra quattro diverse modalità di accredito, ovvero:

  • Conto Corrente Bancario
  • Conto Corrente Postale
  • Libretto Postale
  • Carta Prepagata con Codice IBAN.