Bonus Fibra Ottica, Banda Larga e Acquisto PC o Tablet in Italia Fino a 500 Euro. Via Libera dalla UE

Bonus Fibra Ottica, Banda Larga e Acquisto PC o Tablet in Italia Fino a 500 Euro. Via Libera dalla UE

Grandi novità per quanto riguarda la digitalizzazione del nostro paese, l’Italia. L’Unione Europea, infatti, ha dato il via libera alla proposta italiana che garantirà fino a 500 euro di bonus per ogni famiglia che voglia dotarsi di una connessione a banda larga, in fibra ottica, ovvero voglia destinare tali soldi all’acquisto di un nuovo PC o un tablet.

Il Bonus. A Chi Spetta e a Cosa Serve

Ci saranno, dunque, 200 milioni di euro quale fondo destinato a questo bonus che probabilmente sarà accessibile dalle famiglie con più basso reddito, mentre le offerte che gli operatori in fibra istituiranno, scontate ad hoc, saranno rese disponibili probabilmente a settembre.

Secondo le informazioni in nostro possesso, tutti i nuclei familiari che presentano un indice ISEE inferiore a 20.000€ potranno usufruire di questo bonus che si compone di due diversi benefici:

  • Acquisto Servizi di Banda Larga o Ultra Banda. Voucher fino a 200€.
  • Acquisto di apparecchiature quali PC, Tablet e altre, compatibili con il provvedimento. Voucher fino a 300€.

Il Via Libera dall’Unione

La Commissaria alla Concorrenza, già conosciuta a chi parla di Europa, Margrethe Vestager, ha parlato di questo via libera alla proposta italiana e affermato che tale bonus è studiato in modo coerente con il target condiviso a livello europeo. Ossia si vuole ridurre il gap digitale presente in Italia rispetto ad altre nazioni europeo, divario che durante il lockdown e la pandemia si è palesato ancor di più.

Le parole della Commissaria, d’altronde, sono emblematiche e sottolineano il focus e la ratio del bonus stesso:

“Il regime farà sì che le famiglie ammissibili possano telelavorare e aver accesso ai servizi educativi offerti online senza costi aggiuntivi, attraverso la tecnologia di loro scelta”

Caratteristiche Necessarie per Ricevere il Bonus

I servizi digitali per cui sarà possibile usufruire del bonus, fino alla soglia specificata, dovranno possedere determinate caratteristiche. Non solo essere destinati ai nuclei più fragili e deboli dell’Italia, ma anche essere spesi per acquisto di servizi a banda con determinate caratteristiche minime, ossia:

  • Velocità download pari o superiore a 30 Mbps dando priorità ai servizi in offerta che hanno velocità più alta disponibile. 

Ricordiamo che il voucher prevede una componente dedicata poi all’acquisto delle apparecchiature necessaria alla fruizione dei contenuti presenti sulla rete, ovvero un tablet o un pc adeguati e compatibili.

Oltre alle caratteristiche dedicate per la popolazione, questo bonus è un’opportunità anche per tutti quegli operatori che esercitano la propria attività nel settore delle telecomunicazioni e possono fornire diversi servizi di collegamento in fibra, ma non solo.

Il Ruolo dell’Italia e le Opportunità di Mercato

L’Italia monitorerà le dinamiche di mercato cercando di tutelare la concorrenza, come da norme e regolamenti europei: in particolar modo, il nostro paese dovrà accertarsi che tali soldi non siano utilizzati dai singoli operatori per sostituire contratti già sottoscritti a banda larga NGA, usufruendo indebitamente del beneficio.

L’Unione Europea, dunque, dà l’ok al provvedimento italiano esprimendo la sua conformità in base alle norme sugli aiuti di Stato, oltre a determinare il perseguimento di obiettivi strategici e target, quale la digitalizzazione europea e italiana.

Obiettivi che, ricordiamo, sono legati anche al Recovery Fund, ai Plan e al Next Generation EU, il pacchetto di aiuti pensati nell’Europa post-pandemia.