Home Economia Personale Bonus Merito 2020, Come cambia l’attribuzione dopo l’approvazione della Legge di Bilancio

Bonus Merito 2020, Come cambia l’attribuzione dopo l’approvazione della Legge di Bilancio

Giorno Pagamento Pensioni Aprile, Maggio Giugno. Cambia Tutto! Soldi Arrivano Prima

Sicuramente non si può negare che quest’anno la Legge di Bilancio non ha creato scompiglio per quanto concerne il Bonus di Merito riservato agli insegnanti, addirittura sembrerebbe che la sua cancellazione potrebbe diventare realtà, anche se attualmente viene ancora erogato ma con modalità totalmente diverse.

 

Bonus Merito 2020, quali sono i nuovi criteri di attribuzione?

Gli insegnanti posso già ottenere il Bonus Merito 2020 ma, a causa delle Legge di Bilancio, c’è molto caos per quanto concerne i criteri di attribuzione e non solo, infatti attualmente non si riesce ancora a capire con chiarezza chi saranno i soggetti che potranno beneficiarne.

Sostanzialmente a creare confusione, come abbiamo già anticipato, è stata proprio la Legge di Bilancio perché non si riesce a stabilire se i nuovi criteri di attribuzione si debbano applicare a partire dal prossimo anno scolastico oppure a quello in corso, contemporaneamente però il Parlamento sta valutando (o meglio discutendo) se dare un bonus ai docenti che dal 1 Settembre 2020 torneranno a scuola e saranno impiegati con i corsi di recupero.

Tornando al Bonus di Merito le novità introdotte prevedono che le risorse siano oggetto di contrattazione collettiva, ovvero in altre parole che la loro destinazione sia estesa a tutto il personale scolastico, quindi questo vuol dire che a beneficiarne saranno sia gli ATAC sia i docenti non di ruolo, i quali hanno esercitato in supplenza annuale o fino a quando le attività didattiche siano terminate.

Il Bonus di Merito o per essere più precisi il fondo per la sua erogazione sarà oggetto di contrattazione integrativa, in quanto confluisce nel Fondo per il Miglioramento dell’Offerta Formativa (FMO) e  Fondo d’Istituto (FIS), resta solo da capire se queste disposizioni saranno applicate già per l’anno scolastico appena concluso, ovvero il 2019/2020, oppure per quello successivo, 2020/2021 e questo effettivamente è un bel problema che ci auguriamo venga risolto al più presto.