Home Economia Personale Bonus Monopattini e Bici Elettriche. A Roma con una Modifica Diventano Veloci...

Bonus Monopattini e Bici Elettriche. A Roma con una Modifica Diventano Veloci come Scooter

Bonus Monopattini e Bici Elettriche. A Roma con una Modifica Diventano Veloci come Scooter

Al pari di quanto si può fare con una Tesla elettrica, mediante un complicato “jailbreak”, in modo più artigianale e meno digitale è possibile truccare le bici elettriche e i monopattini che sono oggetto del Bonus emanato dal Governo per l’acquisto degli stessi, sino a 500€ (qui tutto al riguardo, compreso come fare per ottenerlo).

Bici e Monopattini Truccati

Qualcosa che ha scovato Jimmy Ghione, di Striscia la Notizia e che apre un mondo di problematiche molto complesse, visto che con una piccola modifica è possibile trasformare questi mezzi green, a zero emissioni, come veri e propri scooter, capaci di sfrecciare a velocità elevate e quindi molto pericolosi.

Il metodo per truccare le bici è molto semplice e anticamente spesso anche utilizzato in altri ambiti, proprio grazie al campo magnetico che altera i comportamenti dei circuiti elettronici. Come asserisce un negoziante, al gancio inviato con una telecamera nascosta dall’inviato di Striscia, si tratta di “centraline con una calamita che sblocca il meccanismo per la riduzione della velocità.

Diventa quasi come un ciclomotore”. Il tutto, naturalmente, illegale e molto pericoloso perché questi mezzi si guidano senza alcun bisogno di conseguire la patente o il patentino di guida.

Un altro commerciante, incalzato dal gancio, afferma che siano “i clienti a chiederci le modifiche”, pur consapevole del fatto che sia illegale. Si tratta oramai di una voce che è girata e sta divenendo molto consistente, definendo un possibile problema davvero grave, vista la velocità poi conseguente la modifica.

Non lo faremo più

Messi di fronte all’inviato di Striscia la Notizia, entrambi hanno cerco di sfuggire al confronto negando l’attività illecita, ma poi, spalle al muro, hanno promesso di non farlo più. Di certo si tratta di una dinamica sociale che lo Stato deve cercare di arginare sul nascere, visto che monopattini e bici elettriche rischiano di divenire pericolose invece che molto utili per la mobilità a zero emissioni.