Home Economia Personale Bonus Vacanze, è possibile utilizzare i 500 Euro per andare in ferie...

Bonus Vacanze, è possibile utilizzare i 500 Euro per andare in ferie da soli?

Bonus Vacanze

Quest’anno (dopo l’emergenza Coronavirus) il Governo ha introdotto all’interno del Decreto Rilancio il Bonus Vacanze, ovvero un introito economico o meglio uno scontro di un massimo di 500 Euro che può essere richiesto, a partire dal 1 Luglio 2020 tramite l’app IO, dalle persone che decidono di passare le proprie ferie estive in Italia.

 

Bonus Vacanze, può usufruire anche chi decide di partire da solo?

Si tratta di una domanda che nasce da fatto che la Normativa non da informazioni specifiche, però una risposta a questo quesito fortunatamente esiste e arriva direttamente dal provvedimento rilasciato dall’Agenzia delle Entrate, il quale recita testualmente quanto segue:

  • Nel caso di nuclei familiari composti da più di due persone la misura massima dell’agevolazione è di 500 euro. La misura massima dell’agevolazione è di 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone e di 150 euro per quelli composti da una sola persona. (Poi, al punto 3.3)  Lo sconto e la detrazione sono utilizzabili dal componente del nucleo familiare, anche diverso dal soggetto richiedente, che risulta intestatario della fattura o del documento commerciale o dello scontrino/ricevuta fiscale emesso dal fornitore”.

Come si può leggere non viene menzionato il numero di persone a cui è concesso partire per le ferie utilizzando, all’80% come sconto e al 20% come detrazione, il Bonus Vacanze in quanto si parla di Nucleo Familiare e quindi di conseguenza benché non sia specificato sostanzialmente è consentito recarsi anche da soli, fermo restando che comunque l’indennizzo è fruibile solo ed esclusivamente dal richiedente, a cui di conseguenza bisogna far intestare la fattura.

Ricordiamo anche che il Bonus Vacanze è ottenibile sono se si rispettano determinati requisiti, ovvero:

  1. Un ISEE che non superi i 40.000 Euro annui
  2. Presentando la DSU (Dichiarazione Unica Sostitutiva), la quale ovviamente deve necessariamente essere in corso di validità.