Home Economia Personale Buoni Fruttiferi Postali 3×4, Investimenti Postali Sicuri, Rendimento e Esempio con Calcolo...

Buoni Fruttiferi Postali 3×4, Investimenti Postali Sicuri, Rendimento e Esempio con Calcolo Interessi

Buoni Fruttiferi Postali 3x4, Investimenti Postali Sicuri, Rendimento e Esempio con Calcolo Interessi

Molto spesso parliamo di azioni e obbligazioni, ma le persone storcono il naso di fronte agli strumenti finanziari che non reputano sicuri, preferendo depositare i propri risparmi su conti deposito che oramai non generano alcun rendimento o addirittura costano anche.

I Buoni Fruttiferi Postali sono quegli strumenti che possono ispirare fiducia anche nel cittadino medio italiano, di solito restio ad utilizzare prodotti finanziari: proprio per la natura stessa del buono, emesso da Cassa Depositi e Prestiti, quindi dallo Stato, sia per l’esclusivo distributore localizzato ovunque sul territorio italiano, le Poste.

Nel dettaglio, il Buono di cui vogliamo parlare è il Fruttifero Postale 3×4, con il quale riusciremo ad ottenere di nuovo il capitale più una quota interessante d’interessi a seconda del tempo trascorso.

Chi cerca, dunque, un investimento sicuro, può optare per questi strumenti garantiti dallo Stato. I BFP 3×4 non hanno alcun costo, né spese d’intermediazione e di sottoscrizione del buono, ma saranno tassati e trattenuti alla fonte, come sostituto d’imposta, la tassazione agevolata del 12,50% gravante solo sulla quota interessi. Inoltre questi Buoni Fruttiferi non sono soggetti ad imposta di successione nel caso facciano parte di un patrimonio testamentario: dettaglio di non poco conto da parte delle famiglie italiane lungimiranti anche a medio-lungo raggio.

I Buoni Fruttiferi Postali sono emessi sia in formato cartaceo, sia nel nuovo format moderno dematerializzato: una versione “green” e certamente molto apprezzata dal nuovo pubblico giovane. Quest’ultima versione corrisponde ad una scrittura contabile ascritta sul conto denominato “di regolamento”, necessario allo scopo: conto corrente Banco Posta o Libretto di Risparmio Postale. Il titolare del conto o del libretto dovrà corrispondere, in questo caso, al sottoscrittore del buono, mentre quelli cartacei devono essere stipati e bisogna avere cura non si rovinino.

Al momento del riscatto, il BFP cartaceo andrà consegnato alle Poste che rimborserà la cifra pattuita, mentre nel caso del buono dematerializzato, la cosa avverrà in automatico sul conto di regolamento scelto. Chiaramente il conto o il libretto connesso al buono dematerializzato non potrà essere chiuso se non dopo aver ricevuto il pagamento finale, una volta riscattato il BFP.

 

Rendimento

I Buoni Fruttiferi Postali 3×4 sono titoli rivolti a chi desidera investire il proprio denaro a massimo 12 anni con rendimenti certi e previsti prima del versamento: è possibile anche investire importi minimi, come 1.000€, ottenendo un buon rendimento finale. Gli interessi di questo particolare tipo di BFP maturano ogni tre anni e sarà sempre possibile chiedere il rimborso anticipato, ottenendo minimo il capitale versato, senza alcuna penale o perdita per questa richiesta.

I rendimenti effettivi annui lordo del BFP 3×4 sono:

  • 0,35% annuo fino ai primi 3 anni.
  • 0,50% annuo dal 4° al 6° anno.
  • 1% annuo dal 7°al 9° anno.
  • 1,50% annuo dal 10° al 12° anno.

Chiaramente su ogni quota interesse maturata ogni 3 anni (e non prima, nonostante il calcolo), sarà trattenuta la tassazione di cui abbiamo parlato, pari al 12,50% sulla quota interessi guadagnata.

Se si chiede il rimborso anticipato prima della scadenza del terzo anno, si otterrà solo la quota capitale senza alcun interesse, dato che maturano ogni tre anni.

I BFP diventeranno infruttiferi, ovvero non produrranno alcun rendimento, dal giorno successivo alla scadenza e si prescriveranno dopo 10 anni se non sarà ritirato l’importo, perdendo ogni valore legale.

 

Esempio con Calcolo Interessi

Se per esempio sottoscrivessimo il 30 maggio 2020 un BFP 3X4 versando 1.000€, il 30 maggio 2032 gli interessi lordi maturati saranno 195,62€, mentre la ritenuta fiscale pari a 195,62€*12,50%= 24,45€. L’importo che ci sarà erogato dopo 12 anni, a fronte di un investimento di 1.000€, sarà di 1.171,17€.