Home Economia Personale Caffè con Cremina. Come Preparare a Casa. Procedura, Consigli e Trucchi

Caffè con Cremina. Come Preparare a Casa. Procedura, Consigli e Trucchi

Caffè con Cremina. Come Preparare a Casa. Procedura, Consigli e Trucchi

In questo momento di lockdown, di chiusura delle attività ristorative e dei bar, tra le cose che più mancano agli italiani c’è sicuramente la colazione presso esercizi di questo tipo. Colazione a base di croissant, di cornetti o di altri dolci e dell’immancabile caffè: una vera istituzione italiana.

Il caffè del bar, quello espresso denso e cremoso, difficilmente è replicabile con le medesime fattezze in casa, anche perché i baristi seguono determinate procedure e hanno a disposizione delle macchine molto complesse e costose.

A meno che non abbiate una macchinetta a cialde, la quale è programmata per creare quella sorta di cremina sul vostro caffè, con tutte le differenze del caso rispetto al prodotto di un bar e di macchine professionali, possiamo però lo stesso gustare un ottimo caffè in casa. Anzi, possiamo anche ricreare quella cremina tipica della preparazione al bar utilizzando qualche piccolo trucco.

Caffè: Come si Prepara

Utilizzando la moka e seguendo le indicazioni e i consigli necessari alla pulizia della stessa (assolutamente vietato lavare la macchinetta con il sapone, esempio), occorre stare attenti anche agli ingredienti e alla procedura. Seguendo pochi e semplici passi, potremmo ottenere un risultato davvero sorprendente e sicuramente gradito, sia dal punto di vista visivo, sia da quello del gusto.

Il primo consiglio è uno e uno solo: utilizziamo un’ottima materia prima. Per creare un caffè con la cremina occorre una miscela dall’aroma deciso e dal sapore spinto, molto forte. La qualità è fondamentale.

Il secondo consiglio riguarda, naturalmente, il procedimento da seguire, ossia i passi da mettere in atto:

  1. Carichiamo bene la moka.
    1. Innanzitutto l’acqua va lasciata sotto il livello della valvola presente, utilizzandola come fosse un indicatore.
    2. Non lasciamo il caffè a raso nel filtro, come accade nel caso utilizzassimo un dosatore, ma creiamo la montagnella. La pressione poi esercitata farà il resto. Il caffè non va infatti pressato e evitiamo di far cadere qualche granello nei filetti durante l’avvitamento: questo perché si brucerebbero e la combustione rovinerebbe l’aroma del prodotto finale.
  2. Fuoco Lento. Caricata bene la moka, mettiamola su un fuoco che deve essere tenue, non vivo, soprattutto alla fine, quando iniziamo a sentire la fragranza, l’odore del caffè. Ricordiamoci, molto importante, di spegnere la fiamma quando il caffè raggiunge i 3/4 dell’altezza nella moka, in modo da evitare la fase successiva di cottura che produce composti sgradevoli.

Cremina: Come si Fa?

Per creare quella cremina tipica del caffè preso al bar, a casa occorre utilizzare lo zucchero. Se amate il vostro caffè amaro o utilizzate un dolcificante per motivi anche di salute, allora non potrete crearla.

Se, invece, utilizzate lo zucchero semolato, allora ecco il procedimento per creare la famosa cremina tipica del bar:

  • Preparazione Composto. In un bricco o una tazza inserite un cucchiaino abbondante di zucchero a testa, ossia pari al numero di tazze previste dalla moka (se la moka è da due tazze, due cucchiaini abbonanti).
  • Sorvegliare il caffè. Seguita la procedura per caricare la moka di cui abbiamo parlato prima, guardate il caffè facendo attenzione a quando stanno per uscire le prime gocce all’interno della macchinetta.
  • Spegnere il fuoco. A quel punto spegnete la fiamma e togliere la moka dal fornello.
  • Creazione Cremina. Versate quelle gocce di caffè nel bricco in cui c’è lo zucchero e mescolate con forza sbattendo con un cucchiaino come se steste preparando una crema. Lo zucchero, in questo modo, si amalgamerà sciogliendosi, con la parte grassa del caffè (perciò vanno prese le prime gocce n.d.r.) incorporando aria e trattenendola così da aumentare di volume. Il colore muterà dal nero del caffè al beige. Continuate a montare versando magari qualche altra goccia, senza esagerare (occorre valutare bene e pensare che la crema si crea mediante la meccanica).
  • Caffè sul Fuoco. Rimettiamo il caffè sul fuoco (possiamo farlo anche mentre montiamo la crema in modo che non passi troppo tempo, sempre che abbiamo preso abbastanza gocce) e seguiamo la procedura standard, ossia spegniamo quando ha raggiunto i 3/4 della moka.
  • Unione. Prendiamo il caffè bollente e versiamolo nel bricco in cui è stata preparata la crema. Questa verrà a galla e non dovremo neanche girare.