Home Intrattenimento Calcolo Età dei Cani. Come Convertire in Anni Umani: le Regole da...

Calcolo Età dei Cani. Come Convertire in Anni Umani: le Regole da Seguire

Calcolo Età dei Cani. Come Convertire in Anni Umani le Regole da Seguire

E’ una credenza comune e sbagliata, quasi una leggenda metropolitana, pensare che nel calcolo dell’età di un cane, o meglio, nella sua conversione ed equiparazione con gli anni umani, si debba ricorrere ad una semplice moltiplicazione, ossia valutare gli anni del migliore amico dell’uomo e moltiplicare per il numero 7 questo valore.

Niente di più errato o di certo non proprio corrispondente al vero. A prescindere dal fatto che, seppur mammiferi, siamo esseri viventi diversi e complessivamente simili, ma non uguali (il cane è molto più fedele e leale di molti uomini, ad esempio n.d.r.), occorre fare attenzione e valutare diversi aspetti su cui riflettere.

Il primo: un cane può riprodursi e dare alla luce dei cuccioli già ad un anno di età. Cosa impossibile per un bambino umano di 7 anni che di certo ancora deve conoscere simili necessità naturali. Il cane più vecchio del mondo, inoltre, farebbe a gara con il biblico Matusalemme, dato che ha 29 anni che corrisponderebbero a 203 di quelli umani. Per non parlare del cucciolo vivace che abbiamo in casa, alla veneranda età di 11 anni canini: possibile tanta energia, forza e vigore da parte di un ultrasettantenne?

Proprio per tutti questi motivi, i veterinari hanno voluto sfatare questa credenza comune ed utilizzata in modo improprio o a volte anche strumentale e dare chiare regole da seguire per calcolare in modo congruo l’età reale del cane.

 

Calcolo Età del Cane: Il Metodo

I veterinari, dunque, hanno redatto poche e semplici regole che definiscono un metodo molto attendibile e sicuro per calcolare l’età del nostro amato cane. Basta seguire questi semplici passi e dimenticarsi del numero sette:

  • Un cane che ha un anno di età equivale a 15 anni umani (non 7 dunque).
  • Quando un cane compie i due anni di età è come se avesse 24 anni umani, ossia corrisponde più o meno al periodo della nostra età adulta post-adolescenza.
  • Dopo i due anni, occorre aggiungerne 4 ogni anno e continuare in questa maniera a calcolare la conversione. Se per esempio un cane ha 3 anni, allora l’equivalente in età umana è 28, se ne ha 4 è come se ne avesse 32, mentre se ne compie 5 è come se ne avesse 36 e via discorrendo.
  • Molto importante, invce, è discriminare i cani in base alla loro dimensione quando vogliamo calcolarne l’età e convertirla in modo similare ai nostri anni. Occorre considerare le dimensioni del cane, ossia se si tratta di un cane piccolo (generalmente i cani piccoli vivono più a lungo e di più), ossia se si tratta di un cane di media o grande dimensione (i quali vivono di meno in media). Il metodo appena citato, dei 4 anni dopo i due anni compiuti, va modulato in base alle dimensioni del cane: un cane toy, piccolo, a 6 anni avrà l’età corrispondente circa ad un uomo di 40 anni mentre un cane di dimensioni maggiori circa ad un uomo di 42.

I veterinari, dunque, al di là di lievi differenze ed aspetti inerenti la salute canina stessa, considerano questo schema un valido aiuto se vogliamo comprendere e capire quali siano le necessità del nostro amato compagno a quattro zampe riportandole ad uno stato umano, ossia a quelle di una persona che abbia le stesse età e magari gli stessi fastidi fisici.