Home Economia Personale Cedolare Secca 2020, le regole per effettuare il pagamento dell’acconto e il...

Cedolare Secca 2020, le regole per effettuare il pagamento dell’acconto e il saldo

Soldi Prelevati dai Vostri Conti Correnti dal Governo VirusTax Cosa c'è di Vero e Qual è il Futuro

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha deciso di prorogare al 20 Luglio il pagamento della Cedolare Secca 2020, però vale esclusivamente per soggetti ISA e i forfettari, quindi questo vuol dire il versamento (che è dovuto entro il 30 Giugno) si è sdoppiato in base a chi sono i contribuenti che devono elargire l’imposta diretta.

 

Cedolare Secca 2020, quale categoria di contribuenti paga il 30 Giugno

La data del 30 Giugno 2020 non può sicuramente essere dimenticata da coloro che, possedendo un immobile affittato, in fase della registrazione del contratto hanno deciso per la Cedolare Secca, in quanto in questa giornata scade il termine per effettuare il pagamento dell’imposta.

Però come abbiamo anticipato poco sopra il Ministero dell’Economia e delle Finanze, tramite la pubblicazione di un dcpm, ha prorogato il termine ultimo per i pagamenti che concernono le imposte dirette (ovvero quelle che riguardano i redditi e l’IVA) che dovevano essere versate entro il 30 Giugno, spostandole al 20 Luglio 2020.

Solo che la proroga non vale per tutti i contribuenti, infatti questa è riservata ai soggetti ISA e in regime forfettario, quindi questo vuol dire che la Cedolare Secca dovrà essere versata entro il 30 Giugno da tutti i:

  • Pensionati
  • Lavoratori non titolari di Partita IVA
  • Lavoratori Dipendenti

Le regole per quest’anno stabiliscono che le scadenze per la Cedolare Secca sono quelle previste dall’Irpef, mentre per quanto riguarda la misura d’acconto per tutto il 2020 sarà al 95% (esattamente come per il 2019) ma cambierà a partire dal 2021, dove arriverà al 100%.

Inoltre, ricordiamo che il primo anno che si decide di esercitate questa opzione non si paga perché base imponibile di riferimento non è possibile averla, quindi per effettuare il calcolo si aspetta l’anno successivo sulla base dell’imposta dell’anno precedente, ovvero l’acconto spetta solo se la cedolare secca (ovviamente l’anno prima) ha superato la cifra pari ai 51,65 Euro.