Lezioni Europa

Codice IBAN: cos’è, come è composto, a cosa serve, dove lo trovo

Codice IBAN

Il nome IBAN è un acronimo di International Bank Account Number e si tratta in breve di un codice numerico univoco che serve ad indentificare un conto corrente.

 

Come è Composto

Come abbiamo appena detto, il codice Iban serve ad identificare un conto corrente ed è formato da 27 caratteri alfanumerici che servono ad individuare il Paese, la banca, la filiale ed il proprietario del conto corrente.

Per comprendere al meglio quello di cui stiamo parlando, prendiamo come esempio un codice Iban totalmente inventato: IT 99 A 01234 56789 012345678901 e vediamo insieme a cosa corrisponde ogni suo tratto:

 

A Cosa Serve

Essere in possesso di un codice Iban ti permetterà di ricevere un bonifico da parte di un privato, da parte di una società o da un ente, ovviamente comunicando in maniera anticipata il proprio codice. Sarà quindi possibile ricevere anche l’addebito dello stipendio o della pensione che potrà essere accreditato automaticamente, con scadenza mensile.

Se invece dovrai inviare tu dei soldi ad una seconda persona, tramite bonifico, dovrai essere a conoscenza del codice Iban del beneficiario. In questo modo potrai trasferire la somma di denaro in brevissimo tempo semplicemente recandoti presso la tua banca di fiducia o direttamente online.

Se invece devi ricevere un bonifico dall’estero o devi trasferire dei soldi su di un conto corrente estero il solo codice Iban non basta. Dovrai essere a conoscenza anche del codice Swift, ovvero un codice di sicurezza che serve a garantire che il trasferimento di denaro avvenga con successo in caso di bonifici internazionali.

 

Dove Trovo il Mio Codice Iban

Il codice Iban può essere individuato in diversi modi:

Ricorda comunque che, in caso di conto corrente italiano, il codice Iban comincerà sempre con le lettere “IT”.

 

E’ Rischioso Comunicare il Codice Iban?

Comunicare il proprio codice Iban non è assolutamente rischioso.

Spesso il dubbio che molti hanno è se sia rischioso o meno comunicare il proprio codice Iban ad altre persone o società con il pericolo di vedersi sottrarre una somma di denaro dal proprio conto. Questo non è possibile perché il codice serve solo ad identificare un conto corrente e a permettere il versamento di una somma di denaro.

Contrariamente invece non è possibile prelevare alcuna cifra senza prima aver avuto l’autorizzazione da parte del titolare del conto corrente.

Per rendere meglio l’idea facciamo un esempio. Mettiamo il caso di comunicare il proprio codice Iban al datore di lavoro per l’accredito dello stipendio. Il datore di lavoro potrà versare sul vostro conto corrente una somma di denaro (lo stipendio), ma non potrà mai sottrarvi dei soldi pur essendo a conoscenza del vostro codice Iban.

Quindi per permettere a qualcuno di prelevare dei soldi dal vostro conto sarà necessario avere prima un’autorizzazione da parte vostra altrimenti conoscere il solo codice Iban non servirà a nulla ma è comunque raccomandabile fornire il codice solo se strettamente necessario.

Exit mobile version