Home Salute Colpo della Strega: Rimedi, Cause e Fattori di Rischio per il Dolore...

Colpo della Strega: Rimedi, Cause e Fattori di Rischio per il Dolore Acuto della Lombalgia

Colpo della Strega: Rimedi, Cause e Fattori di Rischio per il Dolore Acuto della Lombalgia

Il colpo della strega è volgarmente l’espressione utilizzata per definire un dolore lancinante, acuto ed improvviso che colpisce la schiena. Diversamente dal mal di schiena tradizionale, si tratta di una vera e propria lombalgia con caratteristiche tutte proprie, quasi invalidanti nel momento stesso in cui accade.

 

Cos’è

Il colpo della strega “colpisce” letteralmente la schiena di una persona e ne limita, nonché impedisce anche i movimenti più naturali: proprio a causa di queste caratteristiche, si tratta di un trauma debilitante che può anche ridurre temporaneamente le capacità di svolgere le tipiche azioni quotidiane.

Chi subisce il colpo della strega, tende ad assumere una posizione ricurva: la persona che sente questo forte dolore si irrigidisce e si piega su sé stessa non riuscendo più ad assumere una posizione eretta normale.

Questo perché la lombalgia determina un irrigidimento dei muscoli presenti nella parte inferiore della schiena, la cosiddezza zona lombare, il che determina dolori molto forti ed una tipica posizione disfunzionale. I muscoli coinvolti, infatti, sono radicati in profondità nel nostro corpo e si legano anteriormente a quelli addominali conformando la struttura portante del nostro baricentro: tale rigidità coinvolge tutto l’assetto del corpo e determina la posizione caratteristica di prostrazione.

Si definisce colpo della strega perché la tradizione popolare associa questa condizione debilitante alle pratiche di magia medioevali, tempo in cui figuravano ed esistevano queste sedicenti streghe che, con un sol tocco, potevano far prostrarre ai loro piedi gli altri.

Dopo le scoperte scientifiche e la crescita della medicina moderna, si è scoperto che la magia non c’entrava, ma si trattava di una patologia dolorosa determinata solitamente da un movimento o una postura scorretta, tali da traumatizzare i muscoli localizzati in quella zona.

Questo dolore lancinante, infatti, presenta il conto quando facciamo sforzi eccessivi, ad esempio se vogliamo sollevare cose pesanti da terra, ovvero quando ci alziamo la mattina dal letto, oppure scendendo dall’auto: tutte pratiche quotidiane che, fatte scientemente, non provocano traumi tali da generare il colpo della strega.

Purtroppo a volte, invece, piccoli micro traumi o disfunzioni generali (debolezza muscolare, invecchiamento dei tessuti e della loro elasticità), può creare le condizioni perché si produca uno spostamento anomale delle vertebre lombari e sacrali coinvolgendo i muscoli deputati al loro slittamento.

In tal caso subiremmo il tipico colpo della strega causato dallo spostamento disfunzionale ed innaturale di queste ossa che ingenera irrigidimento dei muscoli, infiammazione dei tessuti e si manifesta nei tipici sintomi dolorosi acuti.

Tutti possono subire il colpo della strega, sia maschi, sia femmine: di contro le persone più anziane sono più predisposte ad avere acciacchi e meno tonicità dei muscoli, nonché problematiche legate al consumo dei dischi vertebrali e dall’indebolimento delle ossa (le vertebre). Proprio per questo, se siamo un po’ avanti con gli anni, potremmo subire molto più di frequente questo colpo della strega.

La cosiddetta lombalgia acuta, dunque, si riscontra in modo molto più frequente in quelle persone che hanno spesso problemi muscolari legati all’irrigidimento di questi tessuti, ovvero altre problematiche connesse ai sistemi articolari ovvero ossei.

 

Cause

Dopo aver fatto un breve excursus sulla lombalgia acuta, occorre analizzare quali possano essere le cause scatenanti di questo dolore improvviso. Come abbiamo anticipato, il colpo della strega può, prima o poi e con diversi gradi inerenti gli effetti sintomatici, colpire tutti, ma ci sono alcune persone con problemi fisiologici o con patologie sistemiche degenerative in atto che possono avere più probabilità di contrarre questo problema. Oltre agli aspetti congeniti e fisici, ci sono poi alcune cause riconducibili allo stile di vita, alle condizioni ambientali e comportamentali sbagliati: tutti aspetti da valutare per chi tende a soffrire di questo problema che tende a ripresentare spesso il conto.

Ecco alcune cause scatenanti del colpo della strega:

  • Postura Scorretta. Se assumiamo una postura fisica scorretta e tendiamo a mantenere questa posizione a lungo, nel tempo, sul posto di lavoro e finanche di notte (ad esempio dormiamo raggomitolati, etc.).
  • Eccessivo Sforzo Muscolare. Legata al trauma di cui parlavamo, questa causa è connessa alla volontà stessa di spingersi oltre un certo limite incorrendo poi nel problema. In tal caso, la prognosi, ossia i tempi di recupero dalla lombalgia, saranno più lunghi ed occorrerà di certo riposo e sospensione dalle attività fisiche.
  • Colpi di freddo, sbalzi di temperatura, cadute. I traumi generici, come le cadute o quelli legati agli sbalzi di temperatura, ad esempio colpi di freddo, possono causare la lombalgia perché ingenerano processi infiammatori a carico della zona lombare dove risiedono i dischi vertebrali, le vertebre ed i muscoli deputati al loro movimento e rotazione.
  • Patologie degenerative o sistemiche (artrosi, atrite, etc.). In caso soffriate di patologie di questo tipo direttamente correlato alla degenerazione artrosica delle vertebre, tale disfunzione potrebbe creare le premesse perché si manifesti il colpo della strega.
  • Osteoporosi. Il consumo degenerativo del tessuto osseo può causare la lombalgia acuta proprio perchè a causa del disformismo vertebrale.
  • Spondilolistesi. Condizione patologica che determina un progressivo slittamento in avanti di una vertebra e quindi un disallineamento.
  • Ernia del Disco. Fuoriuscita del viscere da una cavità idonea che determina una crescita abnorme dello stesso.
  • Infiammazioni. Le condizioni infiammatorie limitano la normale funzionalità degli elementi e dei tessuti coinvolti.
  • Gravidanza, Allattamento. Le donne che sono in dolce attesa o che hanno già partorito e devono allattare il proprio bambino, sono più soggette a sviluppare questa lombalgia acuta proprio a causa delle alterazioni fisiologiche legate al loro status.
  • Disidratazione. Anche la mancanza di equilibrio a livello di liquidi, può cagionare alterazioni tali da determinare le condizioni perché si sviluppi tale patologia.

 

Fattori di Rischio

Dopo aver vagliato le possibile cause del colpo della strega, è matematico pensare a quali possano essere i fattori di rischio. Se immaginiamo le persone intente a svolgere il proprio lavoro, chiaramente esistono mestieri usuranti e faticosi, ovvero sedentari, che sono altamente a rischio lombalgia acuta.

Gli autisti e gli impiegati, seduti molto spesso in modo sbagliato per lunghe ore davanti al computer (servirebbe una seduta ed una posizione ergonomica n.d.r.) sono più soggetti al colpo della strega, così come i muratori e quelli che lavorano nei cantieri edili, ovvero i contadini, i magazzinieri e più in generale tutti quelli che assumono posture scorrette ovvero fanno sforzi eccessivi.

Pure gli sportivi sono a rischio. Se è vero che l’attività fisica fa bene, è altrettanto vero che farla male ed in modo non preparato, ovvero eccessivo, può altresì determinare danni gravi alla nostra struttura ossea e muscolare.

Alcune discipline sollecitano molto la zona lombare ed occorre attenzione, nonché l’adozione di strumenti adatti ed idonei a non sforzare troppo i muscoli ed i tessuti deputati a mantenere il peso di tutto il corpo.

Sport come il body building, il golf e la ginnastica artistica, sono alcuni di quelli che sollecitano maggiormente la colonna vertebrale e possono determinari gravi traumi ed infortuni tali da manifestare tali sintomi.

 

Rimedi e Cure

Come alcuni potrebbero erroneamente pensare, se abbiamo il colpo della strega e sentiamo un dolore lancinante, non dobbiamo di certo lasciarci andare ad un riposo forzato perché la cosa non darebbe i benefici sperati.

Non dobbiamo di certo sforzarci, né cercare di adottare subitaneamente una postura corretta se sentiamo dolore, ma occorre cercare di ristabilirla facendo piccoli e lenti movimenti. Se restassimo immobili a lungo, i muscoli diventerebbero ancora più deboli e tale rigidità tenderebbe a ripresentare il conto.

I rimedi migliori per il colpo della strega sono quelli di tornare a svolgere le attività quotidiane in modo lento e graduale, favorendo il recupero dei muscoli e la loro attitivà normale.

Nel caso i dolori fossero troppo forti e non riuscissimo a curare i sintomi, rivolgiamoci al medico curante che saprà sicuramente prescriverci l’antidolorifico e l’antinfiammatorio migliore, ovvero ci indicherà i farmaci più utili da utilizzare nel caso la lombalgia sia un chiaro segno di altre patologie sistemiche in atto.

Se abbiamo già subito un colpo della strega e vogliamo evitare di averlo nel futuro, come sempre, preveniamo: facciamo ed eseguiamo quotidianamente esercizi di stretching ed allungamento dei dischi facendoci aiutare da un esperto personal trainer o da qualcuno che ha competenze in educazione fisica (evitiamo sempre il fai da te per non sbagliare ed avere danni ulteriori).

Lo stretching è molto utile come rimedio anche dopo aver subito il colpo della strega, ovviamente fatto in modo graduale e senza cercare di eliminare via via il dolore, ma lenendolo poco alla volta. Il dolore è un campanello d’allarme del nostro organismo che richiede una risposta, è una richiesta di aiuto: ascoltiamolo e reagiamo di conseguenza.