Home Economia Compagnie Aeree Fanno Causa al Governo Britannico. British Airways, EasyJet e Ryanair...

Compagnie Aeree Fanno Causa al Governo Britannico. British Airways, EasyJet e Ryanair contro Quarantena

Compagnie Aeree Fanno Causa al Governo Britannico. British Airways, EasyJet e Ryanair contro Quarantena

L’Inghilterra è sicuramente uno dei paesi più colpiti dalla pandemia da Coronavirus causata dal virus proveniente dalla Cina. L’atteggiamento di Boris Johnson, prima spavaldo e perentorio nell’evitare il lockdown, ora cauto in ragione del fatto di aver anche probabilmente vissuto sulla propria pelle il pericolo della patologia, determina criticità e scontri con alcune industrie localizzate nel paese anglosassone e che vorrebbero evitare misure ritenute troppo stringenti.

La Pressione e la Denuncia delle Compagnie

E’ il caso delle tre compagnie aeree British Airways, EasyJet e la low-cost leader mondiale nel settore, Ryanair, che considerano la quarantena imposta a chi viaggia verso l’Inghilterra come assolutamente devastante sul turismo e sull’economia anglosassone in generale.

Le compagnie in questione sarebbero assai danneggiate da questo tipo di soluzione e spingono perché si ritorni alla quarantena prevista solo per quei passeggeri provenienti da paesi considerabili “ad alto rischio”.

Linee Guida e Sanzioni

Secondo le linee guida diramate dal Governo UK, tutti i passeggeri, a esclusione degli operatori sanitari, dovranno compilare un modulo dettagliato e auto-isolarsi, una volta arrivata in Inghilterra, per un paio di settimane. Tutti, a prescindere dal fatto che siano o meno cittadini del Regno Unito: chi sgarra, subirà grazi sanzioni e multe.

Nonostante lo spirito liberale ed eccentrico di Boris Johnson, nonostante il crollo del PIL rilevato in Inghilterra, uno storico -20%, la quarantena è stata imposta a tutti adottando questa soluzione dopo averne dibattuto tanto nei luoghi istituzionali, pesando gli incentivi all’economia con i rischi derivanti da potenziali focolai.

Cosa Accadrà?

Dopo mesi di blocco, dunque, l’industria del turismo anglosassone sembra ancor più alla corda e questi operatori aerei denunciano le circostanze in cui verte tutto il sistema, viste le decisioni prese, al di là della possibilità di creare “ponti aerei” con paesi che siano a minor contagio.