Home Economia Personale Convergenza Auto: Quanto Costa, Cos’è e Quando Farla

Convergenza Auto: Quanto Costa, Cos’è e Quando Farla

Franchigia Assicurazione Auto cos'è, come funziona e quando conviene

Fare la convergenza dell’auto non è solo una possibilità, ma deve essere un’operazione irrinunciabile, perché da questa dipende gran parte della guidabilità dell’auto e la nostra stessa sicurezza, compresi i passeggeri che insieme a noi viaggiano sulle strade.

La convergenza è un’operazione del tutto diversa dall’equilibratura delle gomme, svolta dal gommista in sede d’installazione e parimenti importante: entrambe svolgono un ruolo determinante (insieme alla possibile campanatura) per consentire al mezzo di avere la giusta stabilità e l’assetto corretto per impegnare in modo efficace ed efficiente le strade.

 

Cos’è

La convergenza dell’automobile, dunque, non si riferisce all’equilibrature delle gomme, ma ha comunque a che fare con l’inclinazione delle ruote stesse. Si tratta, tecnicamente, dell’inclinazione che le gomme sullo stesso asse hanno in confronto al piano di mezzeria del veicolo.

Perché l’auto abbia un percorso lineare, dunque, a prescindere dalle condizioni dell’asfalto e da eventuali asperità ovvero da errori di guida umani, è necessario che le gomme abbiano un comportamento corretto e siano a due a due in perfetta posizione parallela.

Una minima differenza, seppur impercettibile ad occhio può gravare in modo negativo su tutto l’assetto dell’automobile, inducendo una disfunzione che si determina in una guida difficile cui l’automobilista deve porre rimedio. Convergenze errate delle ruote, ossia perdita di convergenza, determinano la possibilità di recare danno a sé ed agli altri proprio a causa del non corretto assetto del veicolo che può ingenerare anche incidenti.

 

Perché Accade

Ogni giorno prendiamo la nostra auto ed andiamo al lavoro o usciamo per sbrigare delle commissioni ed ogni giorno dobbiamo affrontare delle strade piene di buche e manti stradali non proprio “performanti”, ossia idonei al corretto scorrere delle gomme.

Molte grandi città vivono tragicamente questo problema e spesso accadono anche incidenti piuttosto gravi, oltre al computo dei danni gravanti sui veicoli e sui motocicli che devono circolare in simili condizioni.

Molto spesso, infatti, gli pneumatici si forano ovvero, in caso di urti particolarmente traumatici e forti, si possono piegare i cerchi e, di conseguenza, seguire uno sgonfiamento dello pneumatico con tutti i fastidi del caso e la perdita dal punto di vista economico.

Oltre a questi eventi accidentali, i vari urti ed i percorsi accidentati provocheranno certamente la perdita dell’assetto originario delle ruote e quindi della convergenza: conseguenza diretta spesso anche dei forti impatti. Le città ed il traffico generano altri accadimenti che possono avere il medesimo effetto: basti pensare alo sfregamento tra ruote e marciapiedi, ovvero ai sobbalzi sui cordoli che spesso facciamo in fase di parcheggio.

Nonostante la velocità molto bassa, anche questi accadimenti possono cagionare danni alla convergenza delle ruote e determinare la necessità di ricorrere all’intervento di un professionista.

Dulcis in fondo, ci sono casi in cui portiamo l’auto a riparare dal carrozziere e questo, nel corso del suo lavoro, modifica la convergenza dell’auto sull’avantreno o sul retrotreno a causa dell’opera stessa: ovviamente senza dolo, ma come conseguenza diretta.

 

Quando Farla

Nel momento in cui verifichiamo che l’asse delle ruore è leggermente inclinato verso destra, ovvero verso sinistra, allora dovremo davvero valutare di rivolgerci ad un professionista che riconduca la cosa al corretto assetto.

Percorrendo un rettilineo, infatti, in caso la convergenza non sia perfetta (ed escludendo la pressione delle gomme diversa, le pendenze e le asperità), l’auto tenderà verso destra ovvero verso sinistra. Se la convergenza non è perfetta, una volta affrontata e superata una curva, ci accorgeremo che il volante non si allineerà perfettamente, ovvero non lo farà proprio.

Così come abbiamo già ampiamente spiegato, un simile accadimento non solo rende rischiosa la guida stessa, ma potrebbe ingenerare panico ed ansia nel guidatore, costretto a manovre non fluide e correzioni repentina: occorre, dunque, rivolgersi al più presto in un’officina quando sentiamo che qualcosa non va.

Un guidatore esperto saprà subito accorgersi anche di cambiamenti impercettibili nella guidabilità e, dunque, di probabili problemi nella convergenza: se lo sforzo richiesto in curva nello sterzare e controllare il volante cambierà, allora questo potrebbe essere un segnale di una convergenza delle ruote non allineata.

In ogni caso, a prescindere dalla causa e dalla gravità del disallineamento, occorre subito recarsi in un’officina specializzata, ossia dal gommista di fiducia per richiedere un ripristino della convergenza. Così facendo, non solo torneremo a guidare in piena sicurezza, ma eviteremo disfunzioni alla macchina stessa: ad esempio una errata ed irregolare usura degli pneumatici che ci farà spendere molti più soldi di quelli risparmiati per non (ri)fare la convergenza.

 

Quanto Costa

Come abbiamo detto, fare la convergenza si rivela una scelta sana ed anche economicamente valida perché riportare l’allineamento delle ruote sugli assi allo stato ottimale riduce il consumo degli pneumatici ed aumenta le performances di tutta l’automobile, realizzando così un’economicità e consentendoci un reale risparmio.

D’altro canto, il costo per la convergenza del’auto presso un’officina autorizzata non è molto elevato, va varia in base a determinati fattori e parametri, soprattutto dipendenti dal costo della vita. Nelle città potremo trovare prezzi applicati maggiori rispetto a quanto accade in provincia: in ogni caso il listino dei prezzi medi varia da un minimo di 20€ ad un massimo di 60€.

Molto spesso, inoltre, i gommisti praticano un prezzo di favore nel caso facciate eseguire equilibratura e convergenza, ovvero si richiesta anche la contestuale sostituzione delle gomme, ad esempio perché obbligatorie le coperture invernali, come previsto in alcune zone d’Italia (dal 15 novembre al 15 aprile).