Cosa Fare in Caso di Incidente Stradale

Cosa Fare in Caso di Incidente Stradale

Quando si viaggia in auto e/o in moto, purtroppo, può capitare (per tutta una serie di ragioni che non sempre è possibile evitate) di restare coinvolti in un incidente stradale. Ma cosa fare in caso di sinistro? E come avviene la richiesta di risarcimento e da chi sono calcolati i danni? Scopriamo insieme in questo articolo.


Nell’eventualità in cui si rimanesse coinvolti in un incidente stradale la prima regola è quella di non farsi prendere dal panico, in quanto mantenendo la calma è possibile svolgere le operazioni che ci permetteranno di:

 

Verificare lo Stato di Salute delle Persone che sono rimaste coinvolte nel sinistro

Ovvero bisogna assicurarsi che le persone che viaggiano insieme a noi e quelle che si trovano sull’altro veicolo non siano rimasti feriti fisicamente, quindi più precisamente bisogna verificare che i danni riportati interessino solo ed esclusivamente i mezzi di trasporto.

Un’altra cosa molto importante da ricordare, soprattutto in quei casi dove c’è stato un impatto molto violento, è di non spostare per nessun motivo i due veicoli, in quanto per consentire i rilevamenti del caso e mettere in sicurezza la strada è meglio chiamare sempre le Forze dell’Ordine, come ad esempio i Vigili Urbani.

 

Compilare la Contestazione Amichevole

Ovvero il cosiddetto CID, il modulo di colore blu che ci permette di rendere sensibilmente più veloci tutte le pratiche burocratiche con l’assicurazione, in quanto al suo interno devono essere inseriti i dati dei due conducenti e la descrizione delle dinamiche dell’incidente.

Una volta firmato, il documento (che dovrà essere redatto in duplice copia) deve poi essere portato alla propria assicurazione entro il terzo giorno dall’incidente, mentre nel caso in cui le due parti non si trovino d’accordo, magari nel caso di una mancata precedenza al semaforo, è anche possibile compilare due moduli separati e, le verifiche del caso verranno fatte da due periti.

 

Come Richiedere i Danni

Allo stato attuale in caso d’incidente stradale la Legge Italiana prevedere il risarcimento diretto, ovvero i danni possono essere richiesti direttamente alla propria compagnia assicurativa e, con questo sistema la pratica è decisamente più sbrigativa. Però, per poter usufruire di questa tipologia di risarcimento è opportuno che:

  • Tutti i veicoli coinvolti non solo siano assicurati ma anche identificabili, quindi regolarmente iscritti al PRA (Pubblico Registro Automobilistico)
  • Qualora ci siano stati feriti, le lesioni che sono state riportate non devono superare il 9% di invalidità permanente

Ovviamente se non si possiedono i seguenti requisiti non è che non si venga risarciti, semplicemente i danni andranno richiesti (con l’invio di un fax, un’email oppure una Raccomandata con Ricevuta di Ritorno) alla compagnia assicurativa della controparte, che entro 60 giorni ci contatterà per avanzare un’offerta.

Invece per quanto riguarda il danno materiale, in cui sono compresi anche i danni fisici (che devono essere certificati da un referto medico dettagliato in cui sono riportate le eventuali lesioni riportate), è calcolato entro i limiti del Bonus Malus dal perito incaricato dalla compagnia assicurativa.