Home Economia Personale Cosa Fare se la Caldaia Perde Pressione

Cosa Fare se la Caldaia Perde Pressione

Cosa Fare se la Caldaia Perde Pressione

Come Funziona la Caldaia

La caldaia è uno strumento molto utile che, nei mesi invernali, riesce a garantire il riscaldamento all’interno del proprio appartamento e, in ogni momento è in grado di scaldare l’acqua sanitaria (ad esempio quando si fa la doccia). Ma che cos’è l’impianto di riscaldamento? E cosa bisogna fare se la caldaia perde pressione? Scopriamolo insieme in questo articolo.

Quando si parla di impianto di riscaldamento si intende l’istallazione di un generatore (caldaia) strettamente legato a un sistema di terminali posizionati all’interno dell’abitazione, più precisamente si tratta di termosifoni e/o pannelli riscaldanti (pavimento radiante conosciuto come riscaldamento a pavimento).

Far funzionare l’impianto di riscaldamento è davvero molto semplice, visto che sostanzialmente è sufficiente avviare la caldaia che, una volta raggiunta la giusta temperatura, fa circolare il fluido (acqua) all’interno dei terminali che di conseguenza riscaldano la casa.

 

Quando la Caldaia Perde Pressione

Quando la caldaia perde pressione, quindi scende sotto gli 1.5 Bar, non solo diventa praticamente impossibile farsi la doccia perché l’acqua è gelata ma anche il riscaldamento, se questo fosse acceso, si spegne automaticamente lasciando l’abitazione al freddo. Le cause possono essere davvero molteplici, ovvero:

 

Danneggiamento dei giunti e dei raccordi dei tubi dell’impianto

Una delle cause più comuni e complesse, in questo caso infatti è opportuno rivolgersi a un tecnico che una volta trovato il giunto che perde risolverà il problema ripristinando la proprietà stagna.

 

Eventuali crepe o spaccature dell’impianto

Una situazione decisamente ben più grave di quella descritta sopra, tanto è vero che in questo specifico caso non è solo caldamente consigliato contattare il tecnico ma obbligatorio. Perché per individuare con precisione le zone danneggiate l’impianto deve essere mappato dall’interno e, per individuare le perdite è opportuno usare il gas inerte e/o delle sostanze molto simili

 

Termosifoni

Un problema davvero minimo che può essere tranquillamente risolto senza l’intervento del tecnico, visto che si tratta solo della formazione di bolle d’aria all’interno dei radiatori e/o dell’impianto, infatti il tutto si risolve in pochissimo tempo grazie all’azione di sfiatamento attuata dalle apposite valvole

 

Rottura del Vaso di Espansione

Questo è un problema che riguarda esclusivamente la caldaia e, se il modello in uso è troppo vecchio conviene valutate molto attentamente quanto potrebbe costare sostituire il pezzo guasto, in quanto si risparmierebbe comprando una caldaia nuova.

 

Impianto Nuovo

In questo caso però la colpa sarebbe da imputare a chi ha installato il nuovo impianto, in quanto potrebbe aver svolto il lavoro con troppa superficialità e di conseguenza aver causato una serie di problemi non indifferenti.

 

Cosa Fare

Per cercare di evitare che possano insorgere queste problematiche è sempre consigliabile effettuare dei controlli periodici alla caldaia, più specificamente per mantenere le sue performance in stato ottimale sarebbe opportuno cercare di fare molto spesso la pressurizzazione dell’interno impianto.

Infatti grazie a una manutenzione costante e periodica sarà anche possibile risparmiare su eventuali e futuri interventi, perché nel caso in cui si verificasse un guasto, tipo uno di quelli descritti qui sopra, contattare un tecnico specializzato ovviamente potrebbe avrebbe dei costi sicuramente non indifferenti.