Home Economia Criptovalute: Zcash (ZEC) Garantisce Sicurezza e Anonimato

Criptovalute: Zcash (ZEC) Garantisce Sicurezza e Anonimato

Criptovalute: Zcash (ZEC) Garantisce Sicurezza e Anonimato

Zcash (ZEC) è una delle criptovalute forse meno conosciute, ma tra quelle sicuramente più interessante e più intriganti, differenziata rispetto a quasi tutte le altre altcoin. Questa moneta virtuale garantisce, infatti, tutte le potenzialità della blockchain decentralizzata, ma anche la sicurezza delle transazioni e, soprattutto, l’anonimato. Caratteristiche che condivide con un’altra divisa digitale, Monero (XMR).

Zcash è pensata dai suoi ideatori proprio con lo scopo di differenziarsi e di puntare tutto sulla privacy, cosa che non garantiscono i Bitcoin (BTC), ad esempio. Il sistema sul quale si basa ZEC, consente di non rendere pubblici e visibili a tutti i dettagli di una qualunque transazione che avviene mediante blockchain, utilizzando due escamotage ideati dai suoi artefici:

  • Offuscamento Mittente e Destinatario della transazione.
  • Offuscamento della transazione stessa.

Come riesce ad ottenere questi due principi fondamentali? Semplicemente utilizzando un algoritmo progettato, ideato e testato a questo scopo: si chiama Zero Knowledge Proof ed il suo operato nel sistema blockchain riesce a celare e non rivelare molte informazioni sensibili, inversamente da quanto accade, ad esempio, con le transazioni fatte in Bitcoin.

Il fondatore e CEO di ZEC, Wilcox O’Hearn ha utilizzato un paragone molto calzante per determinare la distanza mediante la quale si è voluta caratterizzare questa moneta virtuale: “Se i bitcoin sono gli HTTP delle criptovalute, Zcash rappresenta gli HTTPS“. E come ben sappiamo, gli indirizzi Https sono quelli crittografati e ritenuti protocolli ben più sicuri.

Tecnicamente, l’algoritmo di Zcash cripta i dati contenuti in una transazione, utilizzando un sistema crittografico che validi l’identità della persona che utilizza il sistema in modo anonimo.

Zero Knowledge Proof utilizza Zk-Snark (Zero-Knowledge Succinct Non-interactive Argument of Knowledge): il funzionamento prevede una serie di prove e comprove dell’identità dell’utente che deve possedere e detenere informazioni sensibili, ad esempio una chiave segreta, ma non rivela mai il contenuto effettivo, mantenendo così l’anonimato in tutta sicurezza.

Sta all’utente decidere se rendere pubblico ovvero privato qualunque pagamento fatto mediante ZEC.

Se un pagamento avrà come destinatario un indirizzo trasparente, allora il mandante rimarrà anonimo, ma sarà disponibile il valore;. viceversa, se la transazione partirà da un indirizzo pubblico ad uno privato, anche il controvalore ricevuto rimarrà celato.

Grazie a Zcash avremo massima riservatezza e sicurezza derivante dalla tecnologia blockchain, ma ci sono anche lati oscuri di cui tocca parlare. Questa altcoin, viste le sue caratteristiche peculiari, è molto diffusa ed utilizzata nei mercati illegali ed utilizzata per finanziare la circolazione di droga, armi e prostituzione.

Un tema che è un nervo scoperto, ma così come Nobel non voleva far del male all’umanità quando inventò la dinamite, allo stesso modo il CEO di Zcash e tutti i suoi collaboratori non volevano certamente incentivare e facilitare le attività illegali, ma fornire un livello alto di privacy a tutela delle persone che vogliono obnubilare le loro transazioni finanziarie.

Zcash al momento è al 25° posto delle criptovalute per capitalizzazione, con un Cap Market pari a 484.206.376 dollari e si scambia a 68,49$ in perdita di -1,01% ed in trend monotono decrescente, considerata la settimana.