Home Economia Personale Fondo di Garanzia Prima Casa 2020: Cos’è, Come Funziona, Chi ha Diritto...

Fondo di Garanzia Prima Casa 2020: Cos’è, Come Funziona, Chi ha Diritto alle Agevolazioni. Come Fare Domanda

Fondo di Garanzia Prima Casa 2020 Cos'è, Come Funziona, Chi ha Diritto alle Agevolazioni. Come Fare Domanda

Se siamo una giovane coppia o vogliamo creare una famiglia e avere una stabilità certa, culturalmente e funzionalmente abbiamo bisogno di acquistare la casa e, per far ciò, ci serve spesso e volentieri l’accesso al sistema creditizio del mutuo. Questo accade anche se ci troviamo già in possesso di un’abitazione, ma magari vogliamo ristrutturarla, ammodernarla e renderla più efficiente a livello energetico (sfruttando anche gli incentivi statali al riguardo): in questo caso potremmo aver bisogno di un prestito finalizzato all’attività necessaria (qui trovate il nuovo Prestito BancoPosta proprio per ristrutturare in promozione).

Molti non lo sanno, ma quando ci rivolgiamo al sistema creditizio, quello bancario, avremmo bisogno di avere garanzie perché l’istituto, l’organizzazione che liquida il credito, ci consenta di ottenere quel prestito, quel mutuo, di cui abbisogniamo per comprare casa. Molto spesso, dunque, nonostante i tassi variabili e fissi siano davvero incredibilmente bassi, non riusciamo a ottenere quel prestito, quel mutuo, perché non possediamo le garanzie necessarie e magari non vogliamo coinvolgere in un finanziamento che solitamente dura anni altre persone che facciano da garanti per noi.

Per aiutare i cittadini italiani esiste un Fondo di Garanzia. Cerchiamo di capire cos’è e di cosa si tratta.

Cos’è

Il Fondo di Garanzia è un fondo finanziato dalla Consap (acronimo di CONcessionaria Servizi Assicurativi Pubblici) finalizzato a costituire una garanzia istituzionale per le banche e gli istituti finanziari in modo da agevolare l’accesso al credito per le persone che sono più bisognose d’aiuto.

Lo Stato garantisce il 50% del capitale preso in prestito. Questo significa che se chiediamo 100.000€ come mutuo o prestito, la banca ha già garantiti istituzionalmente 50.000€ e potrà chiedere garanzie a noi per quanto riguarda solo la parte eccedente.

Si tratta, dunque, di un fondo che agevola l’accesso al credito per quelle persone che, pur volendo acquistare o ristrutturare casa, non hanno le garanzie necessarie per ottenere il prestito o il mutuo. Agevola perché, oltre a dare le garanzie istituzionali necessarie, prevede anche l’applicazione di un tasso d’interesse agevolato grazie alle convenzioni in essere con le Banche e gli Istituti Finanziari.

Creato nel 2014, questo Fondo è gestito da Consap ed è stato confermato anche per quest’anno, il 2020 pur se modificato nella sua natura. Se inizialmente questo Fondo era appannaggio delle categorie più deboli (giovani coppie, genitori single, giovani lavoratori con meno di 35 anni), ora questi hanno la precedenza per l’accesso, ma non hanno l’esclusiva. Anche altri potranno aderire e usufruire di queste agevolazioni.

Requisiti

Come anticipato, il Fondo di Garanzia del 2020, oltre a essere rifinanziato (occorre comunque fare presto perché le tante domande potrebbero azzerarlo prima del vostro accesso), è mutato nella sua natura. Se prima occorreva appartenere tassativamente a determinate categorie di persone, queste hanno la precedenza, ma non l’esclusiva per l’utilizzo del beneficio. Coloro che hanno la precedenza sono:

  • Giovani Coppie. Dove almeno un membro ha meno di 35 anni.
  • Nuclei Familiari Mono-genitoriali con la presenza, naturalmente, di un figlio minore.
  • Giovani con meno di 35 anni che lavorano con un contratto atipico (tempo determinato, stagionali, part-time, etc.).
  • Conduttori di alloggi assimilabili alle case popolari.

Queste categorie, ricordiamo, hanno la precedenza per l’accesso ai Fondi, ma non l’esclusiva e sarà possibile utilizzare il Fondo di Garanzia anche da altri cittadini italiani che non appartengono a queste.

I requisiti, tassativi, per l’accesso al Fondo, sono invece necessari:

  • Non essere e/o risultare proprietari di altri immobili “prima casa”, ovvero aver già utilizzato i benefici derivanti dal Fondo e le agevolazioni per l’acquisto.
  • L’immobile sul quale si richiede il mutuo, deve avere uso abitativo, trovarsi sul territorio Italiano e appartenere a una classe accatastata non come edificio di lusso.
  • Importo del Mutuo non deve superare i 250.000€.

Come Fare Domanda

Se dobbiamo accendere un mutuo per l’acquisto della prima casa possiamo aderire a questo Fondo di Garanzia veicolando la domanda. Domanda che deve essere presentata direttamente presso l’istituto di credito convenzionato tra quelli iscritti come disponibili (clicca qui per scaricare il file in formato .pdf controllando poi la reale disponibilità dell’istituto presso lo stesso, in quanto le cose possono cambiare).

Se volete avere una panoramica a video degli istituti aderenti all’iniziativa e al Fondo di Garanzia, basta recarsi sul sito dell’ABI (Associazione Bancaria Italiana) e vedere l’elenco.

Se avete bisogno o volete visionare il modulo per l’adesione al Fondo di Garanzia nel caso di Acquisto della Prima Casa, lo potete trovare sempre sul sito di Consap, oppure cliccate qui per scaricarlo (sempre in formato .pdf).

Fondi Disponibili 2020

La domanda di accesso al Fondo di Garanzia ci consentirà, da un lato, di coprire il 50% delle garanzie richieste contestualmente dagli istituti e dall’altro di aderire a un finanziamento, un mutuo, con un tasso d’interesse fortemente agevolato.

Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) del mutuo che l’istituto convenzionato potrà applicare, infatti, è calmierato e non può mai essere superiore al TAEG pubblicato mensilmente dal Ministero dell’Economia.

Da quando è stato istituito questo Fondo di Garanzia, nel 2014, in 5 anni è stato finanziato con 700 milioni di euro. Le domande di accesso al beneficio sono state 174.367 in totale e, di queste, 155.004 riguardavano mutui per l’acquisto della prima casa. Il valore complessivo di tutti i finanziamenti erogati al pubblico, è stato fino all’anno scorso pari a 17,38 miliardi di euro.