Home Salute Funghi Galletti (Gallinacci o Finferli), Caratteristiche, Proprietà e Benefici

Funghi Galletti (Gallinacci o Finferli), Caratteristiche, Proprietà e Benefici

Funghi Galletti

Sulle tavole italiane esiste una tipologia di fungo molto conosciuto, soprattutto perché l’alimento adatto per le diete ipocaloriche, ovvero stiamo parlando del Funghi Galletti detti anche Galinacci o Finferli (ma hanno anche altri nomi locali) che sono apprezzati da tutti i buon gustai. Ma quali sono le sue caratteristiche? E quali proprietà possiede?

 

Caratteristiche

In cucina i Funghi Galletti vengono impiegati molto spesso, in quanto è possibile trovarli sia nel periodo estivo sia nel periodo autunnale, inoltre sono molto deliziosi sia se consumati freschi, essiccati oppure cotti nell’olio con un po’ d’aglio e una spruzzata di prezzemolo.

Per reperirli bisogna recarsi nei boschi di Latifoglie oppure di Conifere, premunendosi di cercarli nei terreni più muschiosi dove generalmente spuntano in cerchio, quindi questo vuol dire che crescono in gruppo.

Riconoscerli, fortunatamente, non è nemmeno tanto complicato infatti possiedono un cappello dalla forma convessa il cui colore è giallo, molto liscio e particolarmente lucido mentre i bordi assomigliano molto alla cresta di un gallo, ovvero sono ondulati.

 

Proprietà e Benefici

Come abbiamo accennato all’inizio dell’articolo i Funghi Galletti sono l’alimento ideale per chi segue una dieta povera di grassi, infatti grazie al suo apporto energetico di tutto rispetto riesce a garantire un buon controllo del peso, infatti le loro proprietà benefiche sono:

  • Assunzione ipocalorica,  in quanto 38 kgcal in 100 grammi di funghi si dividono in 12.5% di grassi, 71.9% di carboidrati e 15.6% di proteine
  • Sali minerali quali Fosforo, Potassio, Magnesio e Ferro che aiuta sensibilmente i soggetti affetti da anemia, in quanto riesce a dare il corretto aiuto per mantenere stabile la quoto di emoglobina nel sangue
  • Vitamine appartenenti al Gruppo B, ovvero la B2, B3, B5 e B6 che servono per fornire all’organismo l’energia necessaria per affrontare la giornata, dando in questo modo un adeguato supporto al supporto metabolico
  • Antiossidanti o più precisamente la Vitamina C, conosciuta anche con il nome di Acido Ascorbico, che garantisce una buona protezione dei Grassi Polinsaturi ma non solo, infatti alza anche le difese immunitarie e partecipa alla sintesi del collagene. Purtroppo però cuocendo, oppure bollendo, i funghi l’azione antiossidante viene meno
  • Vitamina D2 che come tutti ben sappiamo è la migliore alleata per contrastare l’invecchiamento della pelle, in quanto possiede i Radicali Liberi i quali fanno anche molto bene alle ossa, infatti si affiancano all’azione di assorbimento del Fosforo e del Calcio.

 

Altri Nomi Utilizzati

Come abbiamo potuto vedere i Funghi Galletti non solo sono commestibili ma possiedono moltissime proprietà, quindi non può assolutamente sorprendere che siano molto conosciuti e soprattutto cucinati. Però nonostante questo, quasi sicuramente, saranno davvero pochissime le persone che conoscono il loro nome scientifico.

Infatti generalmente, e ufficialmente, sono conosciuti semplicemente come i Gallinacci (il Gallinaccio se è al singolare) oppure, se si vuole utilizzare un linguaggio puramente scientifico, Cantharellus Cibarius che deriva dal latino e letteralmente si può tradurre come Cantaro, il quale indica la forma di una coppa per contenere.

Infine abbiamo i nomi utilizzati nel linguaggio comune, ovvero quelli che gli sono stati dati in base ai dialetti oppure dalla zona in cui vengono raccolti, sostanzialmente come le persone chiamano questi funghi:

  • Chanterelle
  • Finferlo
  • Galletto,
  • Gallitula
  • Gialletto
  • Garitula
  • Gaddiniedd.