Home Salute Infezione da Malassezia del Cane: Cura, Sintomi e cos’è Questa Malattia

Infezione da Malassezia del Cane: Cura, Sintomi e cos’è Questa Malattia

Infezione da Malassezia del Cane Cura, Sintomi e cos'è Questa Malattia

La malassezia è un lievito presente sulla cute di tutti i cani in modo naturale e conosciuto anche con il nome di cerume. Purtroppo questa condizione molto spesso può divenire disfunzionale ed andare incontro ad alterazioni e proliferazione dell lievito stesso che tende a crescere in modo abnome ingenerando infiammazioni cutanee.

L’infezione da malassezia colpisce molti esseri viventi e finanche i nostri amici a 4 zampe: il cane ed è una malattia fungina. Si tratta di una malattia cutanea, ovvero i cui sintomi sono visibili esternamente, che non rappresenta un pericolo, ma essendo causata da altre patologie, può essere un segnale, una spia di qualcosa di più grave per il nostro fido.

Essendo un’infezione a livello della cute, lo strato superficiale della pelle, possiamo parlare tecnicamente di una vera e propria dermatite da malassezia.

Cause

Le cause eziologiche dell’infezione a carico della malassezia sono molto generiche e riconducibili ad un’ampia gamma di situazioni, tra le quali riportiamo le più frequenti:

  • Predisposizione genetica. Alcune razze canine sono più soggette a questi fenomeni perché hanno una cute particolare. I Cocker, gli shar Pei, i Bulldog ed i Boxer, ad esempio, hanno la pelle caratterizzata da pliche cutanee, mentre i Labrador ed i Goldern Retriever tendono a produrre in modo sovrabbondante il cerume.
  • Allergie alimentari.
  • Patologie a carico del sistema endocrino ovvero quello immunitario. Situazione molto grave da affrontare subito.
  • Trattamenti antibiotici o farmacologici per lungo periodo. Alcuni farmaci, come gli antibiotici, somministrati al cane possono far emergere questi spiacevoli effetti secondari proprio perché rendono la cute più suscettibile a questo tipo di infezioni.

 

Sintomi

I sintomi più rilevanti di questa dermatite che colpisce anche i cani sono i soliti:

  • Prurito. Sintomo che può essere facilmente frainteso perché considerato “normale” per il cane grattarsi. Questo stesso sintomo può condurre il cane a grattarsi talmente tanto da ingenerare altre infezioni secondarie perché elimina gli strati a protezione del corpo.
  • Arrossamento.
  • Desquamazione.
  • Presenza di crosticine, croste e della seborrea, altresì conosciuta con il nome di “forfora”.
  • Odore acre, rancido.
  • Ispessimento della pelle nella zona soggetta a dermatite.
  • Iscurimento della pelle e perdita di pelo. La cute diventa più scusa ed il cane inizia a perdere molti peli nella zona oggetto d’infezione.

Generalmente l’infezione tende a colpire le zone dove il lievito è più presente, ossia il collo del cane, la zona ascellare, l’inguine, la zona perianale, le zampe e tutte le pieghe cutanee.

 

Otite da Malassezia

La malassezia, ossia il cerume, essendo presente anche nelle orecchie canine, può ingenerare fenomeni infiammatori simili a quelli riscontrabili sulla cute nel caso il lievito iniziasse a proliferare inmodo sovrabbondante. L’infezione cui va incontro il cane è la classica otite e vedremo il nostro amico grattarsi nella zona della orecchie proprio per il forte prurito.

Oltre a questo sintomo, avvicinandoci un po’, potremo rilevare abbondanza di liquido ceruminoso nel e fuori dal canale uditivo ed il solito odore rancido tipico di questa infezione.

L’otite è particolarmente grave come patologia perché occorre agire con velocità: se non la curiamo in tempo, purtroppo il nostro cane potrebbe incorrere nella perforazione del timpano e diventare sordo o comunque avere danneggiato irreversibilmente il condotto uditivo interno.

Se vediamo che il nostro cane tende a grattarsi insistentemente le orecchie e non ci sono segni evidenti di parassiti, allora contattiamo subito il veterinario anche e soprattutto se notiamo gli altri sintomi avvicinandoci alle sue orecchie. Ne va della sua salute e del suo tenore di vita.

 

Cura

Per la cura della dermatite da malassezia, il veterinario ci prescriverà dei prodotti particolari con i quali procedere alla toelettatura, ovvero al lavaggio del pelo del cane. Si tratta di shampoo medicati con principi attivi antifungini, volti dunque ad estirpare la causa chiave dell’infezione. Nei casi più gravi, il veterinario potrebbe prescrivere anche dei farmaci antimicotici da far assumere al nostro cane per via orale.

Nel caso di otite da malassezia, invece, si utilizzano questi prodotti:

  • Pomate antimicotiche da mettere nelle e sulle orecchie.
  • Antibiotici da somministrare per via orale.
  • Antinfiammatori per via orale.

Tutti questi farmaci servono alleviare il prurito e frenare la proliferazione fungina oltre a sfiammare i tessuti dell’orecchio interno evitando la proliferazione di batteri ed altri agenti patogeni.

In ogni caso, perché il cane possa dirsi guarito completamente, è necessario sempre e comunque curare non solo i sintomi e le infezioni secondarie, ma anche quella primaria. Il nostro veterinario saprà sicuramente indicarci la via migliore ed evitiamo soluzioni fai-da-te o improvvisate.

 

Alimentazione

Come anticipato, una delle cause scatenanti della dermatite da malassezia è sicuramente l’allergia alimentare. L’alimentazione nel cane, come per tutti noi, è assolutamente fondamentale e se il nostro amico a 4 zampe dovesse soffrire di questa patologia, una corretta dieta sicuramente lo aiuterà a guarire più in fretta, fermo restando il fatto che dovrà assumere farmaci prescritti dal veterinario in ogni caso.

Scegliamo e preferiamo cibi sani e naturali che non siano troppo complessi, non abbiano additivi e cerchiamo, nel possibile, di far mangiare il nostro cane in modo ottimale, ad intervalli di tempo regali ed in maniera equilibrata.

Una nutrizione siffatta aiuta e coadiuva il sistema immunitario, quello chiamato a reagire contro le infezioni e difendere il nostro animale dall’aggressione di agenti esterni consentendogli di guarire più in fretta e di prevenire eventualmente la dermatite stessa.