Home Economia INPS, sono riprese le Visite di Accertamento per le Pensioni di Invalidità...

INPS, sono riprese le Visite di Accertamento per le Pensioni di Invalidità Civile

Pensione Opzione Donna: Quanto si Perde, Requisiti e Differenza tra Donne Dipendenti, Autonome o Contributi Misti

L’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha bloccato molti settori i quali lentamente stanno iniziando a riaprire, infatti le persone che hanno fatto domanda all’INPS per il riconoscimento dell’invalidità civile, dopo parecchi mesi, potrà fare la visita di accertamento.

 

Domanda per la pensione di invalidità civile, l’INPS l’ha finalmente sbloccata

Dopo parecchi mesi di sospensione, ricordiamo causati dall’epidemia di Coronavirus che ha colpito duramente l’Italia, l’INPS ha finalmente deciso che le domande per pensioni per le invalidità civili a breve saranno sbloccate, comunicando la notizia con il messaggio 2330/2020:

  • A seguito del progressivo e graduale superamento della prima fase emergenziale legata alla crisi epidemiologica da COVID-19” a decorrere dal 4 giugno scorso sono stati riaperti i canali di comunicazione legati agli accertamenti medico-legali delle ASL, sia per quando riguarda i primi accertamenti che per coloro che chiedono il riconoscimento di un aggravamento“.

Quindi, questo vuol dire che le ASL (Azienda Sanitaria Locale) hanno riaperto i battenti dalla prima settimana di Giugno 2020, ricominciando di conseguenza ad accettare le prenotazioni per quanto riguarda il riconoscimento dell’invalidità civile causate da una delle seguenti problematiche:

  • Handicap
  • Sordità
  • Cecità Civile

In questo modo, finalmente, grazie alla riapertura delle visite di accertamento le persone che prima del Covid19 hanno fatto richiesta per l’invalidità civile, vedendosela riconoscere, potranno ricevere l’assegno e sbloccare la situazione di stallo che si è creata negli ultimi mesi.

Tutte queste attività, come la stessa INPS ha comunicato tramite il messaggio 2330/2020, danno nuovamente facoltà alle ASL di poter riprendere attraverso le modalità previste la calendarizzazione delle suddette visite, alla quali i soggetti interessati saranno chiamati a sottoporsi tramite una comunicazione che arriverà con una lettera di comunicazione al proprio indirizzo, mentre in prossimità della visita verrà inviato un SMS come promemoria.

Inoltre, l’INPS ha anche fatto sapere che per tutte le visite di accertamento programmate, per cui non si terrà conto della data di prenotazione (ovvero quando sono state calendarizzate), verrà data una comunicazione dopo il 4 Giugno, di conseguenza se le ASL non fossero pronte o non volessero sottoporre al controllo i pazienti sono obbligate a disdire queste convocazioni a mano.