Laser Anti Drone: Tecnologia Militare Sviluppata da Azienda Israeliana. Il Video del Funzionamento

Laser Anti Drone Tecnologia Militare Sviluppata da Azienda Israeliana. Il Video del Funzionamento

L’azienda privata israeliana Rafael Advanced Defense Systems, attiva nel settore delle tecnologie di difesa militare, ha diffuso un video in cui fa vedere il funzionamento del suo nuovo laser anti drone e la capacità di quest’ultimo di contrastare le nuove modalità di attacco che tendono a utilizzare sempre più spesso questi mezzi nati non solo per un utilizzo tattico, ma attivo.

Come ricorderemo anche dopo il famoso attacco alle raffinerie petrolifere della Aramco, in Arabia Saudita, sempre più organizzazioni e paesi utilizzano i droni proprio per questo genere d’azioni e tale dinamica ha sollevato il bisogno di realizzare un’efficace quanto utile difesa contraerea di contrasto a questi mezzi aerei maneggevoli e molto subdoli se usati a questo scopo.

Drone Dome

Chiamato “Drone Dome”, dalla forma che ricorda una cupola, questo sistema utilizza una tecnologia laser mobile e va installato su di un mezzo di trasporto che lo collochi in zone strategiche e di ampio raggio.

Drone Dome può agire in campo aperto grazie al raggio laser molto potente, individuando i droni non autorizzati e abbattendoli, come potrete vedere dal video correlato, anche se questi si trovano ancora a miglia di distanza.

Per l’esercitazione sono stati utilizzati dei droni serie Phantom della DJI, una delle ditte più note nella costruzione di questi mezzi volanti che oramai sono utilizzati anche come intrattenimento e pure sul lavoro (pensiamo alla fotografia).


Dal video si può ammirare l’efficacia di questo sistema anti-drone e del suo raggio laser (evidenti i segni di bruciatura e i danni derivanti dall’impatto con il suolo).

Laser, ma non Solo

Drone Dome non è dotato solo del laser potentissimo, ma al suo interno trova integrazione un sistema di puntamento radar che individua i droni a distanza e ne analizza i movimenti centrandoli prima di colpirli.

Se il raggio laser non dovesse riuscire ad abbattere il drone puntato, Drone Dome ha integrato anche uno strumento per il bombardamento jammer a radio frequenze in modo da alterare il sistema di volo del velivolo e creargli uno scompenso così da farlo precipitare.

Sensibilità al 100%

Come dichiarato dall’azienda israeliana privata, questo sistema Drone Dome è estremamente sensibile e può riconoscere oggetti volanti non identificati a grandi distanze. Gli ingegneri che lo hanno ideato e progettato, dicono che questo può identificare un oggetto delle dimensioni di 0,002 metri quadrati (20 centimetri quadrati) a distanza di 3,5 Km.

Grazie a questa grandissima sensibilità e al fatto di poter intercettare i droni a grandi distanze, Drone Dome può rilevare benissimo gli sciami, come si vede anche dal video dell’esercitazione in cui il sistema ne abbatte 3 uno dopo l’altro.

Tag: