Home Intrattenimento Live non è la D’Urso, Fabrizio Corona con un videomessaggio ha annunciato...

Live non è la D’Urso, Fabrizio Corona con un videomessaggio ha annunciato che potrebbe tornare in prigione

Live non è la D'Urso

Fabrizio Corona è tornato a far parlare di sé e questa volta l’ha fatto tramite un videomessaggio a “Live non è la D’Urso“, dove senza girarci troppo intorno ha dichiarato di dover tornare in prigione per altri 9 mesi, in quanto deve scontare la pena inflittagli per alcuni reati pregressi.

 

Le dichiarazioni di Fabrizio Corona a Live non è la D’Urso

Era dal 2009 che Fabrizio Corona non prendeva parte a un programma condotto da Barbara D’Urso, in quanto in quel periodo i due avevano avuto un’accesa discussione telefonico e non si sono più parlati, poi l’anno scorso lui si era finalmente deciso a chiedere scusa pubblicamente alla conduttrice e i rapporti si sono un po’ distesi.

Prima di ricevere il videomessaggio dell’ex Re dei paparazzi in studio a Live non e la D’Urso si è parlato, con la madre e l’avvocato di Corona, dei trascorsi molto burrascosi del ragazzo, anche se in base alle sue ultime confidenze il suo futuro non sembra meno turbolento.

Infatti, nel video girato da Fabrizio questi non solo si è nuovamente scusato con la conduttrice ma ha fatto una dichiarazione scioccante, ovvero che rischia ben 9 anni di carcere, ecco le sue esatte parole: “Domani c’è un’udienza importantissima per la mia vita, l’ennesima in Cassazione a porte chiuse. Si decide se devo rifarmi i nove mesi di pena che ho già fatto. Ho fiducia nella Giustizia Italiana. Ho fatto già più di sei anni dietro le sbarre e altri di comunità, ora sono agli arresti domiciliari e spero che per una volta le cose vadano come devono andare“.

Come sempre a schierarsi in sua difesa ci ha pensato la mamma, la quale ha fatto notare che oggi Fabrizio è sicuramente una persona diversa rispetto a quella di qualche anno fa, facendo anche notare che i componenti del figli sono una conseguenza della sua personalità borderline, una patologia che comporta alterazioni molto importanti ma che sta curando con un terapeuta.

Mentre Ivano Chiesa, l’avvocato, ha voluto chiarire quali sono le motivazioni che stanno facendo rischiare all’ex Re dei paparazzi altri 9 mesi dietro le sbarre, ecco le sue parole: “Per delle cavolate fatte a novembre. È andato in televisione a fare delle cose alla Corona“.