Home Sport Marco Materazzi contro la Juventus, arriva una nuova provocazione

Marco Materazzi contro la Juventus, arriva una nuova provocazione

Marco Materazzi

Come tutti gli appassionati di calcio ben sanno l’ex difensore dell’Inter Marco Materazzi per la squadra della Juventus, a livello sportivo, non prova nessuna simpatia e lo dimostra ogni volta che si presenta l’occasione di lanciarle quale frecciatina, tra l’altro pure molta velenosa.

 

L’ennesima provocazione di Marco Materazzi nei confronti della Juventus

La frecciatina al vetriolo contro la Juventus Marco Materazzi l’ha lanciata dalle pagine di “Corriere dello Sport“, dove ha parlato del Triplette (conquistato 10 anni fa sotto la guida di Mister Mourinho), della partita persa per 3 a 1 dai nerazzurri contro il Catania e della maglietta celebrativa, sulla quale molto provocatoria è stato scritta la frase “Rivolete anche questa” rivolta agli eterni rivali bianconeri.

Ecco la sua intervista: “Il giorno dopo la sconfitta di Catania Mourinho non risparmiò nessuno, nemmeno Toldo che era in panchina così come Eto’o. (Poi riportando l’esclamazione del tecnico il giorno dopo) ‘Bravi, sarete campioni di Fair Play’. (Arrivando poi a parlare della discussa maglietta celebrativa, esposta dagli stessi giocatori neroazzurri) L’idea è nata quando la Juventus chiese indietro lo scudetto 2006“.

Infatti come tutti ben sappiamo quell’anno il Tricolore (insieme a quello del 2004-2005) venne revocato per illecito sportivo (tanto è vero che scoppiò un gran caos ricordato oggi con il nome di Calciopoli), così la Juventus da Campione d’Italia si ritrovò retrocessa con una pesante penalità nel Campionato di Serie B, mentre l’Inter che si è poi classificata al secondo posto (dopo la penalizzazione toccata anche al Milan) si vide assegnare lo Scudetto di quella Stagione.

Infine l’ex difensore ha parlato di Josè Mourinho e della finale di Champions League del 2010, dichiarando che il tecnico aveva dato alla squadra precise istruzioni di giocare male per evitare che il Bayern Monaco di Van Gaal non partisse in contropiede, in quanto il Mister neroazzurro voleva assolutamente evitate che i suoi difensori, troppo statici e fisici, venissero strapazzati nelle ripartenze.