Home Economia Personale Morosità utenze domestiche, Acqua, Luce e Gas NON possono essere staccati fino...

Morosità utenze domestiche, Acqua, Luce e Gas NON possono essere staccati fino al 17 Maggio

Morosità utenze domestiche, Acqua, Luce e Gas NON possono essere staccati fino al 17 Maggio

Continua l’emergenza sanitaria causata dall’epidemia di Coronavirus e l’ARERA (l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente) ha deciso di andare, ancora una volta, incontro a tutti quei clienti che hanno una morosità sulle utenze domestiche, dichiarando in quanto la fornitura di Acqua, luce e gas fino al 17 Maggio 2020 non può essere sospesa. Ma vediamo nel dettaglio.

 

La posizione di ARERA sulla morosità delle utenze domestiche

La proroga che di fatto blocca la sospensione delle utenze domestiche per morosità è stata deliberata da ARERA, la quale ha portato il termine a un coerente allineamento con ciò che è stato scritto all’interno dei provvedimenti presi dal Governo in merito all’emergenza Coronavirus.

Quindi questo vuol dire che la morosità per le utenze domestiche è stata sospesa fino al 17 Maggio 2020, questo stop viene applicato su tutti i consumi inferiori a 200.000Smc/Annuo e di conseguenza prima di questa data non potrà, in nessun modo, essere staccato il gas oppure la luce al cliente che non ha pagato le bollette. Questo principio, ovviamente, viene applicato anche sulla fornitura idrica, ovvero quella dell’acqua, però solo nel caso in cui si trattasse di un utente privato.

Ovviamente una volta che il termine prorogato andrà in scadenza tutte le aziende fornitrici, nel rispetto delle normative vigenti (quindi compreso il preavviso, il quale è previsto nei termini del contratto), sono autorizzate a riconoscere la morosità tramite:

  • La prima comunicazione sollecito
  • La messa in mora

Inoltre, in base alla delibera 117/2020/R/com emanata sempre da ARERA, gli enti che forniscono le utenze domestiche (luce e gas) devono anche comunicare ai loro clienti i criteri fissati per la rateizzazione degli importi, ovviamente da intendersi per quelli fatturati e non saldati, dove non è assolutamente prevista l’applicazione degli interessi maturati.

Invece per la fornitura dell’acqua ad uso domestico, quindi privato, le aziende fornitrici potranno effettuare una valutazione ma solo dopo che l’ente di governo locale ha eseguito a sua volta una valutazione, comunque sia questo principio viene applicato per le bollette che riguardano tutto il mese di Maggio 2020.