Home Economia Personale Nuovo Digitale Terrestre: Come Verificare se Occorre Cambiare la TV. I Canali...

Nuovo Digitale Terrestre: Come Verificare se Occorre Cambiare la TV. I Canali Test

Nuovo Digitale Terrestre Come Verificare se Occorre Cambiare la TV. I Canali Test

Novità in arrivo dal punto di vista del segnale televisivo. Come sappiamo da tempo, a breve ci sarà un nuovo switch off per quanto concerne il protocollo iniziale del Digitale Terrestre, il cosiddetto DVB-T. Questo comporterà problemi per chi ha apparecchi datati o decoder che non supportano il nuovo protocollo indispensabile per vedere il nuovo segnale televisivo.

Per verificare se dobbiamo cambiare la nostra TV o possiamo tranquillamente soprassedere continuando a vedere tranquillamente i canali in chiaro, da oggi è possibile verificare molto semplicemente se occorre acquistare o meno una nuova televisione.

I tecnici, infatti, utilizzando la nuova tecnologia digitale che consente di utilizzare ampio spazio all’interno di una stessa frequenza, hanno realizzato un semplice strumento di test in modo che tutti possano verificare se quel televisore è idoneo al nuovo protocollo oppure no.

A tal fine, sono stati implementati due canali test. Basterà sintonizzarsi su di questa per sapere in pochi attimi se il nostro televisore e/o il decoder, è supportato o meno dal nuovo DVB-T2.

 

Come fare: I Canali Test

Per procedere alla verifica, basta sintonizzarsi con il tasto del telecomando su uno dei due canali disponibili:

  • Numero 200 del telecomando (canale già attivo da oggi e reso disponibile da Mediaset sul mux 4 di cui è detentore dei diritti).
  • Numero 100 del telecomando (canale attivo da domani, venerdì 17 gennaio e reso disponibile dalla Rai).

Semplicemente digitando il numero 200 sul telecomando ovvero il numero 100 a partire da venerdì, dovremo verificare cosa appare sullo schermo. Ci saranno diverse possibilità e dovremo agire in base al caso che ci si presenterà:

  • Comparsa della scritta “Test HEVC Main 10”. Il nostro televisore, ovvero il decoder che è collegato, è supportato dal nuovo standard di trasmissione che diverrà obbligatorio (lo switch off) dal giugno del 2022.
  • Nessuna scritta e schermo nero. Il televisore ovvero il decoder, non sono supportati dal nuovo standard di trasmissione DVB-T2 e dovremo necessariamente procurarcene un altro (oppure un decoder idoneo) prima dello switch off, comunque nel 2022. Nel caso possiamo avvalerci del sostanzioso Bonus TV rilasciato dal Governo (qui trovate istruzioni e requisiti per richiederlo, nonché le indicazioni per i modelli di TV compatibili con la tecnologia e con il contributo stesso).
  • Il canale 200 o il 100 non è disponibile. Procediamo a una risintonizzazione automatica dei canali avendo cura di abilitare l’ordinamento automatico denominato “LCN” e non quello manuale (nel quale caso potremo inserire al numero 100 o 200 un altro canale che non contiene il test).
  • Al numero 200 o al 100 c’è un altro canale. Spostiamo questo canale che troviamo al posto del test a quella numerazione mediante il menù apposito del nostro televisore o del decoder e proviamo ad avviare la ricerca solo su quel mux utilizzando la sintonizzazione manuale, ovvero la risintonizzazione automatica di cui abbiamo accennato al punto precedente.

Ricordiamoci, inoltre, di svolgere il test su ogni singolo apparecchio televisivo presente in casa perché la capacità di elaborare il nuovo segnale è integrata nel dispositivo stesso e non nell’impianto di ricezione che, per fortuna, non dovremo cambiare.