Nuovo Modello Autocertificazione (Autodichiarazione). Cosa Cambia e Perché. Complicazioni

Nuovo Modello Autocertificazione (Autodichiarazione). Cosa Cambia e Perché. Complicazioni

Così come avevamo anticipato e come riportato dal noto giornalista Nicola Porro che si è stranito di fronte a questo comportamento incredibile da parte delle istituzioni, c’è il nuovo modello di autocertificazione/autodichiarazione che si dovrebbe compilare e portare con sé per evitare multe da 400€ a 3000€ o finanche ripercussioni penali in caso di positività al SARS-Cov-2.

Nuovo Modello: Cosa Cambia

Si tratta del quarto/quinto certificato (clicca qui per scaricarlo e compilare il modulo editabile) emesso tra provvedimenti governativi centrali (e regionali, ne esiste un’altra copia al riguardo), necessario se occorre uscire per comprovate esigenze lavorative, motivazioni di salute o stati di necessità, con tante limitazioni per lo spostamento tra Comuni diversi (possibili solo in determinati casi, di assoluta urgenza) e adesso anche tra Regioni.


Le Regioni hanno ora possibilità di emanare provvedimenti anche più restrittivi di quelli previsti dal Governo Centrale e proprio in ragione di questo e degli accadimenti ultimi che hanno anche contraddistinto la cronaca (il caso del Sindaco di Messina che ha controllato tutti quelli scesi dalla Calabria sul traghetto) sono state aggiunte ulteriori voci in ragione di spostamenti da una Regione diversa da un’altra. La qual cosa complica ancor di più gli spostamenti.

Perché

La complicanza sta nella necessità, oltre di giustificare lo spostamento stesso secondo i criteri prima definiti, oltre a dover comprovare l’assoluta urgenza di spostarsi da un comune a un altro, c’è ora bisogno di dare una giusta motivazione per il transito da regione a regione in modo attivo.

Occorre che il cittadino singolo si informi se esistono dei provvedimenti restrittivi regionali della regione di provenienza e quella di arrivo indicando nel modulo che lo spostamento stesso “rientri in uno dei casi consentiti dai medesimi provvedimenti”.

Non basterà indicarlo con una spunta, ma occorrerà proprio scrivere il caso specifico previsto per il movimento da regione e regione, come e se indicato dai provvedimenti stessi emanati dai Governatori del territorio di partenza e quello di arrivo.

Aspettandoci comunque buonsenso da parte delle ligie Forze dell’Ordine che stanno cercando anche di eseguire con grande senso del dovere tutto quanto previsto da norme così difficile da comprendere e ringraziandoli per il lavoro svolto, con il rischio di contagio, aspettiamo anche una semplificazione del modulo stesso.