Home Intrattenimento Piccozza per Alpinismo: Lunghezza, Incurvatura, Materiali e Accessori. Come Scegliere

Piccozza per Alpinismo: Lunghezza, Incurvatura, Materiali e Accessori. Come Scegliere

Piccozza per Alpinismo: Lunghezza, Incurvatura, Materiali e Accessori. Come Scegliere

 

Se amiamo l’alpinismo, una delle discipline di maggior successo tra gli appassionati della montagna, allora occorre saper scegliere assolutamente la miglior piccozza per fare le scalate in sicurezza e in modo da ottimizzare le risorse di cui disponiamo, ossia quelle fisiche.

Non sottovalutiamo quest’aspetto perché, come ben sappiamo, in qualsiasi disciplina sportiva e in qualsivoglia lavoro, gli strumenti fanno sempre la differenza, oltre la cura e la manutenzione di questi. L’alpinismo non si differenzia da questo concetto perché unisce esperienza personale, competenza, intuizione e intelligenza nonchè pianificazione ai nuovi strumenti, da quelli più tradizionali, come la piccozza, a quelli ultramoderni di nuova generazione per un experience davvero unica.

 

Alpinismo vs Arrampicata

La disciplina meglio nota come “alpinismo” come abbiamo già sottolineato, è uno di quegli sport molto amati dagli appassionati e da coloro che amano la montagna, anche perché unisce il coraggio della scoperta esterna a una introspezione interna sempre più profonda.

Il nome stesso deriva e prende il nome da una delle catene più famose al mondo, le nostre “Alpi, nonostante il tetto del mondo si trovi da tutt’altra parte (la catena dell’Himalaya con K2 ed Everest), per una questione cronologica. I primi tentativi di scalare le montagne da parte di esseri umani, iniziarono proprio nella zona al confine tra Italia, Svizzera, Austria e Francia.

Non bisogna confondere l’alpinismo con l’arrampicata proprio in ragione della strumentazione: nel secondo caso, infatti, l’uomo si mette alla prova iniziando un’ascesa con l’utilizzo basilare del proprio corpo coadiuvato solo da dotazioni quali guanti (alcuni la fanno a mani nude), ovvero elementi di ancoraggio e senza alcuna protezione.

Nell’alpinismo, invece, è fondamentale l’attrezzatura, molto ricca e nella quale sono presenti vari strumenti per l’ascesa, oltre che elementi di protezione studiati proprio per questo sport. Tra l’equipaggiamento che ha in dotazione l’alpinista, troviamo:

  • Corde Acciaio.
  • Trapano.
  • Ancoraggi fissi.
  • Moschettoni.
  • Casco.
  • Imbracature.
  • La piccozza polivalente.
  • Localizzatore ARTVA (o ARVA, Apparecchio di Ricerca dei Travolti in VAlanga). Questo congegno è consigliato perché, in caso si venga travolti da una valanga o accadano altri avvenimenti negativi, proprio grazie a questo dispositivo e al segnale che emette, i soccorsi potranno localizzarci in molto meno tempo. Una risorsa critica per chi affronta la montagna.

Tra l’equipaggiamento basico di un alpinista, fondamentale importanza ha l’abbigliamento tecnico studiato e progettato a fondo per le condizioni più disparate che possiamo trovare in alta quota, a differenti altitudini e latitudini. L’abbigliamento, comodo e leggero, deve anche essere traspirante e resistente in modo da aiutare l’atleta nello sforzo e non rendergli impaccio alcuno.

 

Lunghezza della Piccozza

Dopo aver fatto un breve escursus sull’equipaggiamento senza voler certamente essere esaustivi, focalizziamoci sull’argomento principe dell’articolo: la piccozza per l’alpinismo.

La prima caratteristica della piccozza, una variabile per la quale si differenziano quelle presenti in commercio, senz’altro è la lunghezza. Esistono tre categorie di dimensioni per questo attrezzo e ogni misura si differenzia proprio per l’applicazione e l’uso che l’alpinista vuole farne, nonché in base al livello d’esperienza.

Vediamo di dare qualche indicazione in riferimento a queste diverse tipologie di piccozze:

  • Piccozza Corta. Ideale per chi non vuole grande ingombro e ha bisogno di essere agile, nonché indispensabile se vogliamo arrampicarci su formazioni ghiacciate.
  • Piccozza Media. La misura di una piccozza media varia tra i 55 e i 65 cm. Utile spesso come appoggio per la scalata, si sceglie nel caso si debbano affrontare cascate ghiacciate per avere maggior presa.
  • Piccozza lunga. La misura è compresa tra i 70 e i 75 ccm. Si tratta di  un attrezza idoneo per chi non deve affrontare ascese o escursioni troppo ripide, ovvero congrua per essere utilizzata sulla neve perché penetra più in profondità cercando un appiglio solido.

 

Incurvatura della Piccozza

Il secondo aspetto da considerare assolutamente quando scegliamo una piccozza da alpinismo è la curvatura di questa, diversificata a seconda della superficie della scalata, rispetto a ciò che attende lo scalatore. Vediamo le differenti piccozze:

  • Piccozza Classica Dritta. Utilizzata solitamente per le traversate sul ghiaccio, questo strumento garantisce pieno supporto al peso della persona durante la salita ottimizzando l’ascesa stessa.
  • Piccozza Polivalente leggermente incurvata. Come dice il nome stesso, questa piccozza ha diversi ambiti d’uso ed è utilizzata nello scialpinismo proprio perché è possibile picconare sia sul ghiaccio, sia sulla neve modificando però l’impugnatura e l’angolo di colpo.
  • Piccozza morto incurvata. Ottima sul ghiaccio, consente allo scalatore di avere trazione sufficiente per salire. E’ inoltre molto più facile da estrarre da questo tipo di materiale proprio per la sua curvatura.

I tre differenti tipi caratterizzano anche i diversi livelli di uno scalatore che affronta superfici e scalate sempre più impervie e dense di difficoltà: l’ultima piccozza, quella più inclinata, presuppone una conoscenza maggiore, un’esperienza superiore e una tecnica d’uso che si acquisisce con gli anni.

 

Materiali e Accessori

L’ultimo aspetto da considerare quando acquistiamo una piccozza da alpinismo, così come accade anche per gli strumenti di altri sport, sicuramente riguarda il materiale con il quale è prodotta la piccozza stessa.

Sul mercato la maggior parte delle migliori piccozze sono composte da tre differenti materiali in ragione delle loro caratteristiche e della loro specificità:

  • Acciaio. Materiale pesante, molto resistente all’usura e in grado di avere un utilizzo molto forte.
  • Aluminio. Materiale leggero, ottimo per le traversate, ma non consigliato se dobbiamo ascendere verticalmente e in modo ripido.
  • Carbonio. Coniuga resistenza a leggerezza, ma l’aspetto negativo riguarda chiaramente il prezzo, molto alto e spesso indicativo di un’ingegnerizzazione superiore dello strumento.

Un alpinista, come abbiamo detto, necessita di strumenti e attrezzi idonei alle sue scalate. Nel caso si debba affrontare una parete di ghiaccio, oltre alla piccozza idonea che abbiamo descritto, occorrono altri accessori indispensabili alla scalata stessa, quali:

  • Martello.
  • Paletta.
  • Punta.
  • Longe.
OffertaBestseller No. 1
Climbing Technology Alpin Tour Piccozza da Ghiacciaio, Rosso, 60 cm
  • Tipo pickels: piccozza da alta montagna
  • Piccozza da materiale gambo: fusto in alluminio
  • Piccozza da norme: attacco a T norma
  • Standard peso: 590 g
  • Tipo di montaggio: alto Tour
OffertaBestseller No. 2
Climbing Technology Alpin tour Plus 60 cm piccozza, Nera Arancio, 60 cm
  • Piccozza polivalente per canali di neve, pareti nord di pendenza classica e creste di misto.
  • Testa ergonomica in acciaio forgiato a caldo, disegnata per una migliore impu-gnatura, dotata di paletta
  • Manico rastremato in lega leggera, con finitura anodizzata, dritto alla base per una migliore penetrazione nella neve
Bestseller No. 3
Kong Piccozza da Alpinismo Dhino Classic, Grigio, 60 cm
  • Piccozza da alpinismo classica con corpo in alluminio e becca e puntale in acciaio zincato
  • Disponibile in due misure: 50 e 60 cm
  • Certificata CE EN 13089/1