Home Salute Problemi Tiroide: Sintomi e Come Capire se Qualcosa non Va o la...

Problemi Tiroide: Sintomi e Come Capire se Qualcosa non Va o la Ghiandola non Funziona Bene

Problemi Tiroide: Sintomi e Come Capire se Qualcosa non Va o la Ghiandola non Funziona Bene

La tiroide è una delle ghiandole più importanti del nostro corpo e fa parte del sistema endocrino. La sua posizione, situata intorno alla trachea sotto la laringe (nel collo dal lato anteriore) con una forma tipicamente a farfalla, secerne gli ormoni che controllano il metabolismo del corpo su impulso dell’ipotalamo, deputato a monitorare il livello di ormoni tiroidei presenti nell’organismo e indurre una maggior produzione nel caso rilasciando il TSH.

La tiroide, molto spesso, non funziona bene e questo malfunzionamento si riflette in una sintomatologia prima lieve, ma poi sempre più gravosa e grave per la salute di tutto  il nostro corpo.

Soprattutto nel caso la ghiandola funzioni in modo eccessivo rilasciando una quantità di ormoni al di là di quanto necessitiamo (il cosiddetto ipertiroidismo) occorre fare attenzione perché può sfociare nella cosiddetta “tempesta tiroidea” o crisi tireotossica, una complicanza gravissima di questa condizione.

Anche in caso funzioni in modo rallentato, ossia produca meno ormoni di quanti realmente ne necessitiamo (l’ipotiroidismo), serve attenzione e qualche volta occorre iniziare il trattamento farmacologico vero e proprio immettendo dall’esterno un ormone sintetico con la stessa funzionalità di quelli secreti dalla tiroide.

Nel caso in cui avessimo subito un intervento chirurgico di asportazione di parte o della totalità della ghiandola, occorre provvedere quotidianamente all’assunzione di tiroxina proprio a causa dell’assenza dell’attività stessa.

 

Ipertiroidismo: Sintomi Rilevabili

Per quanto concerne la situazione di una tiroide che produce un maggior quantitativo di ormoni, a volte abnorme incidendo negativamente su tutto il sistema fisio-metabolico del corpo umano, occorre fare attenzione a questi possibili sintomi:

  • Aumento dell’appetito. Uno dei sintomi generici che non devono di certo spaventare perché possono essere figli di molteplici cause (anche lo stress, ad esempio), è senz’altro l’aumento dell’appetito rispetto alla normalità. Questo perché la tiroide rilascia un maggior quantitativo di ormone nel corpo inducendo a mangiare cibo in eccesso, ma senza ingrassare: l’aumento del metabolismo derivante dall’ormone stesso compensa il tutto, ma rischia di raggiungere livelli critici.
  • Minzione Eccessiva. Se andiamo al bagno con frequenza maggiore, questo potrebbe essere un sintomo dell’aumento del metabolismo che induce un maggiore flusso sanguigno ed aumenta il filtro dei reni, soggetti a produrre più urina. Il pericolo è quello legato alla troppa eccitazione sul sistemi cardio-circolatorio (tachicardia ed aumento del battito dunque) e su quello renale.
  • Sete eccessiva. Conseguenza della minzione eccessiva, il corpo abbisogna di maggiori liquidi per compensare la diminuzione.
  • Tremori delle Mani. Sempre a causa dell’accelerazione metabolica.
  • Desiderio Sessuale Eccessivo. Aumentando il metabolismo, potremmo incorrere in episodi compulsivi di libido difficilmente controllabili.

 

Ipertiroidismo: Sintomi Rilevabili

Per quanto concerne la situazione di una tiroide che produce un minor quantitativo di ormoni, anche questa disfunzione rende instabile il nostro metabolismo inducendo problematiche sempre più gravi per quanto concerne la salute. Ecco alcuni sintomi cui fare particolare attenzione:

  • Perdita del Desiderio Sessuale. Un calo nella libido è normale in chi manifesta ipotiroidismo perché la qual cosa incide negativamente anche sulla produzione di ormoni sessuali.
  • Stanchezza, apatia. Dato che il metabolismo corrisponde alla vita stessa delle cellule e gli ormoni secreti dalla tiroide controllano come il corpo utilizza l’energia (ovverossia in modo efficiente ed ottimizzato), se soffriamo di ipotiroidismo potremmo sentirci stanchi e apatici. La qual cosa può sfociare, nei casi più gravi, anche in diagnosi di malattie psicologiche come la depressione.
  • Ipoacusia (indebolimento dell’apparato uditivo, dell’udito). Ancora non si è capita la correlazione scientifica tra i due fenomeni, fatto sta che empiricamente chi soffre di ipotiroidismo manifesta perdita di udito.
  • Cambiamenti nella voce. Questo fenomeno è implicazione diretta di una vicinanza strutturale tra la ghiandola e la laringe, dalla quale passa l’aria che determina la nostra vocalità ed il timbro. Se l’ipotiroidismo è associato ad una malformazione o disfunzione morfologica della ghiandola, possiamo riscontrare questa sintomatologia tipica.
  • Pelle ispessita e sopracciglia assottigliate. Chi soffre di ipotiroidismo presenta spesso questi cambiamenti dovuti alla ritenzione idrica che sfociano in stati infiammatori di alcuni tessuti. Questo stesso fenomeno provoca poi continui dolori muscolari (crampi) ed alle articolazioni, in particolar modo nelle zone periferiche del corpo, le caviglie ed i piedi. Chi soffre di ipotiroidismo arriva anche a palesare tendiniti acute fino a rotture di questi legamenti.

 

Problemi alla Tiroide: Cosa Fare

Se avete riscontrato uno o più sintomi non iniziate a preccuparvi subito, ma rivolgetevi ad un medico affinché appronti le giuste analisi (inizialmente sangue ed ecografiche per poi approcciare strumenti più profondi nel caso) e confermi una diagnosi certa disponendo poi le cure specifiche del caso.

Sicuramente lasciare trascorrere il tempo può aggravare ancor più la situazione ed è meglio agire di conseguenza. Una semplice analisi del sangue per rilevare il livello di TSH, e degli ormoni tiroidei FT3 ed FT4 sarà significativa nell’avanzare subitaneamente un’ipotesi diagnostica e cominciare il trattamento.

Spesso i medici prescrivono anche la rilevazione della presenza di anticorpi specifici per verificare se ci si trovi in presenza di una tiroidite derivante da processi infiammatori a seguito di risposte autoimmuni del proprio corpo (eh si, a volte il sistema immunitario del nostro corpo attacca i suoi stessi tessuti). In quel caso siamo in presenza di situazioni diagnostiche con nomi specifici come la tiroidite di Hashimoto.