Home Economia Personale Proroga Naspi, il pagamento sarà automatico o bisognerà fare richiesta all’INPS?

Proroga Naspi, il pagamento sarà automatico o bisognerà fare richiesta all’INPS?

Proroga Naspi

Come tutti ben sappiamo il Decreto Rilancio è entrato in vigore da circa da un mese ma per quanto riguarda la Proroga della Naspi ci sono ancora molte perplessità, infatti non si sa ancora se il pagamento avverrà in automatico oppure occorrerà fare richiesta all’INPS, in quanto l’Ente di Previdenza Sociale non ha ancora rilasciato la circolare attuativa.

 

Come avverrà la proroga Naspi?

Questa è sicuramente una domanda a cui molti vorrebbero ricevere una risposta, perché ad oggi non si sa ancora come avverrà la Proroga Naspi, anche se l’INPS ha annunciato che tra breve verrà rilasciata la circolare attuativa, la quale dovrebbe finalmente fare chiarezza in merito.

Infatti come stabilito dal Decreto Rilancio la Naspi, ovvero l’assegno di disoccupazione, ha avuto un prolungamento di 2 mesi però oltre non sapere le modalità di questa proroga è bene sapere che a beneficiarne saranno pochi lavoratori, in quanto ne hanno diritto solo coloro a cui questa indennità è scaduta tra  1° marzo e il 30 aprile 2020.

Il forte ritardo nelle comunicazioni dell’INPS di fatto rendono la Proroga Naspi attiva solo su carta, un fatto questo che ha portato la categoria dei disoccupati a protestare molto vivacemente sui Social, in quanto questa situazione che si è venuta a creare effettivamente ha tutta l’aria di essere un gigantesco e allucinante paradosso.

Secondo quanto scritto dalla stessa INPS sul proprio profilo Twitter si può leggere il seguente messaggio: “Bisogna attendete l’Iter di Legge. Non  appena concluso troverete le indicazioni sul Sito INPS e condivise qui come di consueto“, si tratta (speriamo vivamente) di una piccola svista perché il Decreto Rilancio è stato approvato ed è già in vigore, quindi questo vuol dire che il Governo considera i passaggi legislativi conclusi, ergo non ne prevede altri.

Per questo motivo diventa difficile biasimare le persone che si sono lamentate, in quanto appare evidente che per sapere le modalità con cui sarà prorogata la Naspi manca la circolare attuativa dell’INPS, la quale purtroppo ha causato un bel po’ di scompiglio in un momento di piena emergenza in cui occorrerebbe essere più celeri.