Proroga Versamento Contributi INPS per Artigiani, Commercianti, Soci e Titolari

Proroga Versamento Contributi INPS per Artigiani, Commercianti, Soci e Titolari

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, acronimo INPS, tramite un comunicato stampa nella data del 15 maggio, ha voluto chiarire alcuni aspetti per quanto riguarda la proroga del versamento dei contributi per diversi soggetti (artigiani, commercianti, soci e titolari d’azienda) prevista lunedì 18 maggio.

La Proroga


L’ente ha voluto sottolineare quanto disposto dal Governo con un suo decreto, dissipando qualsiasi dubbio riguarda questa proroga e definendo la platea di persone che saranno beneficiarie di questo slittamento per quanto riguarda i contributi da versare.

Rimane sospesa la prima rata inerente la contribuzione sul minimale di questo 2020 per quanto concerne i soggetti che posseggono i requisiti ascritti nell’articolo 18 del Decreto Legge 23, 9 aprile 2020 (Decreto Liquidità).

In ragione di questa disposizione, l’INPS ha voluto chiarire la possibilità di sospensione dei contributi di artigiani e commercianti, proprio per quanto riguarda il pagamento previsto con scadenza il 18 maggio.

Requisiti

L’ente ha messo l’accento sui requisiti che tali soggetti devono possedere per posticipare il versamento dei contributo. Ossia, ecco le caratteristiche dei beneficiari di questo slittamento, mutuato dalla norma

  • Soggetti che esercitano attività d’impresa, un’arte o una professione in Italia;
  • Soggetti che hanno domicilio fiscale ovvero la sede legale o quella operativa localizzata sul suolo italiano;
  • Soggetti che si trovano a soddisfare una di queste condizioni:
    • Ricavi o compensi 2019 inferiori a 50 milioni di euro e contestualmente una riduzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di marzo e nel mese di aprile 2020 di almeno 1/3 (33%) di quanto registrato negli stessi mesi del 2019;
    • Ricavi o compensi 2019 superiori a 50 milioni di euro e contestualmente un calo del fatturato o dei corrispettivi nel mese di marzo e nel mese di aprile 2020 di almeno il 50% rispetto a quanto registrato rispettivamente negli stessi mesi del 2019;
    • Attività d’impresa, d’arte o professione iniziata e intrapresa successivamente alla data del 31 marzo 2019.

Nuova Scadenza

Coloro che rientrano nella platea dei beneficiari e sono in possesso dei requisiti sovra descritti, dunque, potranno usufruire di una proroga per quanto concerne il versamento dei contributi previsto entro il 18 maggio 2020.

La nuova scadenza, secondo il Decreto Rilancio in fase di lavorazione e pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, dovrebbe essere quella del 16 dicembre 2020; fermo restando eventuali cambiamenti e modifiche che dovessero subentrare anche in fase di conversione in legge, causa ipotetici emendamenti.