Home Economia Quando Riaprono Sale Scommesse, Cinema, Teatri e Spa. Dubbi su Discoteche. Il...

Quando Riaprono Sale Scommesse, Cinema, Teatri e Spa. Dubbi su Discoteche. Il Calendario

Quando Riaprono Sale Scommesse, Cinema, Teatri e Spa. Dubbi su Discoteche. Il Calendario

Tempo di riapertura. Dopo l’inizio della Fase 2, oramai si sta tornando pian piano alla normalità, con un’unica grandissima criticità rilevata nel mancato intervento per le scuole (siamo l’unico paese al mondo che non le ha riaperte, come se l’educazione scolastica fosse un pro forma e non sappiamo nemmeno quando e se riapriranno, nonché come a settembre n.d.r.).

Si Riapre: la Situazione e le Criticità

Da domani, lunedì 15 giugno, inizia una nuova tranche di riaperture permesse, tra cui figurano attività stagionali come i centri estivi, ma anche d’intrattenimento, quali cinema e teatri. Per il momento le discoteche rimangono chiuse e non si sa quando riapriranno a causa dell’impossibilità, secondo il Governo, di seguire regole basilari come il distanziamento sociale, per ovvie ragioni legate alla natura stessa del settore.

Al di là di alcuni comportamenti purtroppo disfunzionali, figli della paura, dell’ignoranza (non sappiamo ancora molto sul Coronavirus e probabilmente svanirà senza capire nemmeno al 100% come abbia agito e in che modo, una volta giunto tra noi dalla Cina probabilmente già nel 2019 n.d.r.) che hanno contraddistinto casi nei quali il runner in spiaggia è stato inseguito dai droni (mentre i boss mafiosi sono paradossalmente usciti dal carcere e irregolari continuavano a delinquere tranquillamente, a dispetto della capacità di mettere in campo questo sistema di controlli incredibile) o l’ultimo in cronaca, quello di una multa all’incauta mamma che non vedeva la figlia da 3 mesi, denunciata dall’assistente sociale per un bacio.

Casi nei quali il buonsenso è scemato di fronte a regole che, ricordiamo, sono anche un po’ zoppe, visto l’istituto legale scelto, il DPCM del Presidente del Consiglio. E, soprattutto, vista l’incapacità della scienza, al di là delle consulenze acquisite da noti personaggi, nel dare risposte certe e indicazioni rassicuranti.

In ogni caso, il virus cinese ha caratterizzato una pandemia (sperando davvero non ci sia quell’ondata di ritorno da alcuni palesata) che ha determinato una tragedia e messo l’umanità di fronte alla natura stessa, o forse di fronte ai suoi errori (nel caso il virus sia uscito da laboratorio n.d.r.).

Il Calendario delle Riaperture

Dal 15 giugno al 14 luglio, come descritto dal DPCM pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, riaprono i confini europei con l’Italia, anche quelli di alcuni paesi che non erano molto concordi, esempio Austria e Grecia. Per quest’ultima, la riapertura sarà graduale fino al 30 giugno e seguirà determinati precetti a seconda del fatto che gli italiani provengano da quelle regioni considerate ad alto rischio.

Per quanto riguarda le riaperture interne, da lunedì riaprono:

  • Centri Estivi.
  • Parchi e aree gioco (con distanza di sicurezza).
  • Attività sportive a porte chiuse di interesse nazionale.Escluse le attività sportive che non hanno una caratterizzazione considerevole di interesse nazionale, ad esempio le pratiche amatoriali al chiuso come il calcetto. Per queste, bisognerà attendere il 25 giugno.
  • Sale Scommesse, Sale Giochi, Slot e Bingo.
  • Cinema e Teatri.
  • Concerti con distanziamento tra spettatori e numero limitato se al chiuso.
  • Centri Benessere (SPA), Termali e Culturali (sempre stando attenti al rispetto delle linee guida, incluso il distanziamento sociale).

Per tutti gli altri rimangono attuali le regole già stabilite nei precedenti provvedimenti per la continuità dell’attività.

Discoteche, Fiere e Congressi

Non riapriranno le discoteche, dunque, anche perché l’obbligo di adottare un distanziamento sociale di almeno 2 metri e la difficoltà nel concepire l’attività stessa del ballo, ha sollevato tantissimi dubbi negli operatori della categoria.

Nel DPCM è stato deciso che le discoteche potranno aprire dal 14 luglio, così come la possibilità di realizzare una fiera o un congresso, fatto salva la possibilità per le Regioni e le Province Autonome di stabilire diversamente.

“Restano sospese sino al 14 luglio 2020 le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, le fiere e i congressi. Le regioni e le province autonome, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabilire una diversa data di ripresa delle attività, nonché un diverso numero massimo di spettatori”

Crociere e Spostamenti

Novità per chi ama le crociere e sogna di rilassarsi navigando tra le acque del Mediterraneo o in chissà quale altro posto paradisiaco presente sul nostro pianeta Terra. Al momento rimane tutto sospeso in attesa di una decisione da prendere dopo il 14 luglio.

Vietati gli spostamenti al di fuori dei confini dell’Unione Europea e finanche in Gran Bretagna fino al 30 giugno. Sarà possibile viaggiare da domani 16 giugno solo all’interno dell’area Schengen, tra i paesi UE e si potrà andare anche in:

  • Albania. 
  • Bosnia e Erzegovina.
  • Kosovo.
  • Montenegro.
  • Macedonia del Nord.
  • Serbia.