Home Lavoro Quanto Tempo resta la Badante in Casa dell’Assistito in caso di Decesso.

Quanto Tempo resta la Badante in Casa dell’Assistito in caso di Decesso.

Quanto Tempo resta la Badante in Casa dell'Assistito, in caso di Decesso.

Una domanda molto importante in un sistema, come quello italiano, nel quale la figura della badante convivente è oramai presente in moltissime case a fianco dei nostri anziani che non vogliono abbandonare il proprio eremo ed accettano di convivere con chi offre i propri servigi e la competenza, è quella relativa in caso di decesso dell’assistito. Cosa accade alla badante quando purtroppo la persona di cui deve prendersi cura, viene a mancare?

Il diritto d’abitazione, naturalmente, decade con la risoluzione del contratto (venendo a mancare l’oggetto, si ritiene risolto unilateralmente), ma si dà la possibilità alla badante o alla lavoratrice domestica, di organizzarsi materialmente trovando un’altra sistemazione.

Oltre al lato contrattuale, c’è un lato umano e psicologico cui fare riferimento: i rapporti tra colui/colei che si è occupato/a dei nostri affetti possono essere molto buoni ed è difficile mettere alla porta una persona ormai divenuta di famiglia, ma prima o poi occorre affrontare la questione, anche ai fini dell’eredità.

La risposta a quanto tempo la badante resta in casa del de cuius è molto semplice. La signora o il signore il cui ruolo era legato, lavorativamente parlando, al soggetto che non c’è più, deve lasciare l’abitazione dopo il periodo temporale legato all’istituto del preavviso, cui sono soggetti tutti i contratti di lavoro.

Tornando alla figura inquadrata come badante, ci sono due possibilità:

  • Entro 15 giorni se la badante ha meno di 5 anni d’anzianità di servizio presso lo stesso datore di lavoro.
  • Entro 30 giorni se l’anzianità di servizio è superiore ai 5 anni.

Se il lavoratore domestico è stato invece inquadrato sotto il profilo contrattuale di “custode” con il beneficio dell’alloggio per sé e per la propria famiglia, compresi i minori, il tempo entro il quale occorre abbandonare la casa è superiore. Il custode deve lasciare l’abitazione entro 60 giorni dal momento in cui viene a mancare l’assistito.