Home Economia Personale REM, Reddito di Emergenza, il Governo ha prorogato la possibilità di fare...

REM, Reddito di Emergenza, il Governo ha prorogato la possibilità di fare domanda fino al mese di Luglio

Requisiti Reddito di Emergenza, REM, chi può richiederlo

Lunedì 15 Giugno 2020 il Consiglio dei Ministri ha approvato nel nuovo Decreto Legge un’importante novità che riguarda il Reddito di Emergenza, in quanto la presentazione della domanda (ovviamente da intendersi per gli aventi diritto) è stata prorogata fino al mese di Luglio.

 

Reddito di Emergenza, la domanda può essere presentata fino a Luglio

Inizialmente il Governo, in base all’articolo 82 del decreto n.34/2020 (Decreto Rilancio), aveva stabilito che il limite ultimo in cui era possibile presentare la domanda per il Reddito d’Emergenza era il 30 Giugno 2020, invece il 15 Giugno il Consiglio dei Ministri ha approvato una proroga con un  nuovo Decreto Legge, il quale stabilisce che si può fare richiesta dell’aiuto economico fino al 31 Luglio 2020.

Si tratta indubbiamente di un’importante novità ma non è l’unica, infatti la stessa INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) il 12 Giugno 2020 ha emanato un comunicato proprio sul Reddito di Emergenza, informando i cittadini che la domanda da presentare proprio all’Ente di Previdenza Sociale può essere inoltrata presso il CAF.

Il perché di questa decisione è facilmente intuibile, in quanto i CAF hanno giocato un ruolo per riuscire ad ottenere il Reddito di Emergenza, infatti come tutti i beneficiari ben sanno per  riuscire ad avere questo aiuto economico (oltre ai requisiti fondamentali) bisogna allegare alla documentazione la DSU aggiornata ai fini dell’ISEE.

Infine, giusto per completezza, ricordiamo le modalità con cui l’INPS accetta le richieste del Reddito di Emergenza, le quali possono essere inoltrate:

  1. Direttamente sul sito ufficiale dell’INPS (per accedere sarà sufficiente utilizzare lo SPID, il PIN, la Carta d’Identità Elettronica oppure la Carta Nazionale dei Servizi, tutti strumenti questi che permettono di effettuare l’identificazione)
  2. Presso il Patronato (o se si preferisce il CAF) in base a quanto stabilito dalle Legge n.52 del 30 Marzo 2020.