Home Intrattenimento Riga ai Capelli: Come e Quale Scegliere tra Centrale o Laterale e...

Riga ai Capelli: Come e Quale Scegliere tra Centrale o Laterale e Perché. Consigli di Bellezza

Riga ai Capelli Come e Quale Scegliere tra Centrale o Laterale e Perché. Consigli di Bellezza

Le donne, ma oramai anche gli uomini sempre più spesso, sono alla ricerca di un rinnovamento del proprio look continuo e lo fanno anche in concomitanza di particolari eventi o stati d’animo per cui vogliono e sentono il bisogno di comunicare al mondo la propria indole e l’aspetto esteriore è sicuramente il piano di comunicazione più veloce e d’impatto.

Proprio per questi motivi i capelli, l’acconciatura, il colore, la capigliatura, la salute degli stessi e le varie sfumature sono tutti elementi particolarmente curati e definiscono, più di altri per la donna, il proprio essere intimamente.

Date le premesse è logico attenzionare un elemento che a qualcuno potrebbe sembrare superfluo o insignificante, ma che invece fa tutta la differenza di questo mondo: ossia la riga ai capelli. Quale scegliere, come e perché sono tutti motivi validi per fermarsi un attimo a pensare: molto spesso non occorre nemmeno lasciarsi andare ad un cambiamento netto rivolgendosi ad un parrucchiere forse troppo estroso oppure preso da un’abbaglio estetico, ma basta semplicemente cambiare la linea di demarcazione dell’attacco dei capelli (oppure si può anche eliminarla del tutto n.d.r.) per avere un risultato altrettanto formidabile e sentirsi già gratificate.

Pur tuttavia non possiamo di certo lasciarci andare ad esperimenti che magari possano non renderci giustizia, ma occorre cautela e seguitare i consigli di bellezza degli esperti, fatto salvo sempre il bene primario in primis: ossia il proprio volere e la necessità di sentirsi bene con sé stesse.

A volte un piccolo spostamento laterale della riga, più a destra, ovvero a sinistra, può cambiare totalmente il nostro aspetto molto più di un taglio, di particolari acconciature o addirittura di colorazioni estreme. Diamo il giusto tempo a quest’aspetto dell’acconciatura e seguiamo alcuni semplici consigli.

 

Come Scegliere la Riga

Se pensiamo che la riga che portavamo sin da bambine o adolescenti sia quella di maggior risalto per il nostro aspetto estetico, potremmo invece trovare sorprese nel cambiare anche solo di poco, la localizzazione della divisione.

Le teorie sul come scegliere la riga perfetta si sprecano e non mancano alcuni errori derivanti dal voler strafare o shockare per dir si voglia. La teoria sulla quale vogliamo porre maggiore risalto, tra l’altro la più diffusa e legata a principi armonici, presuppone l’importanza di adattare la riga alla forma del viso.

Come tutte le teorie che stabiliscono delle categorie, però, anche questa cerca di standardizzare forme del viso e racchiuderle in macroinsiemi: nessun volto umano è uguale perfettamente agli altri e quindi risulta molto arduo rientrare solamente o in toto in una distinzione piuttosto che un’altra. L’importante, però, è individuare una tendenza di massima che configuri il nostro viso come appartenente a tale classe.

Tra le forme del viso possiamo contraddistinguere quattro principali categorie:

  • Ovale.
  • A cuore.
  • Tondo.
  • Spigoloso e allungato.

Se parleremo di questa teoria per scegliere la riga legata alle forme del viso, dobbiamo anche sottolineare come alcuni grandi esperti (il fondatore del salone Innè di Parigi, Guillaume Fernandes, sia il rinomato parrucchiere Jean Louis David, riconosciuto anche per la linea cosmetica per capelli creata e distribuita) fondamentalmente hanno un approccio diverso, ossia sottolineano di rispettare in primis l’andamento del capello. Secondo loro, se i capelli tendono nella piega a destra, meglio non forzarli con una riga laterale molto lontana a sinistra, ma assecondarli nel loro fluire in modo naturale dando morbidezza a tutta l’acconciatura. Altri consigli utili di bellezza, sempre riguardo la riga per i capelli, sono inerenti a due particolari situazioni:

  • Capelli sottili e radi. Utilizziamo la riga al centro in modo da non lasciare spazi vuoti troppo vistosi di lato.
  • Capelli ricci. Una riga precisa è molto difficile da realizzare, accontentiamoci di dare un senso di profondità senza troppa demarcazione.

 

Riga in mezzo (al centro) vs riga laterale: A Chi sta bene

Tornando alla teoria sulla forma del viso, possiamo quindi riportare i consigli più validi avvalendoci di questa distinzione. Ecco, dunque, un vademecum breve per capire come e perché scegliere una riga piuttosto che un altro, ossia quella in mezzo (al centro) oppure laterale e quanto distante dal centro.

  • Donne con viso ovale o a cuore. Le donne che hanno fondamentalmente un viso di questo tipo possono utilizzare entrambe le soluzioni e decidere anche in quale lato caratterizzare l’eventuale riga laterale. Nel caso sempre meglio seguire le indicazioni di David e Fernandes ed assecondare la tendenza dei capelli.
  • Donne con viso tondo. Secondo Salvio Filetti, hair stylist di L’Oréal Professional, per queste donne è indicato l’utilizzo della riga al centro, soprattutto se hanno un volto anche paffuto proprio perché quest’acconciatura tende a sfinare. L’indicazione è particolarmente utile per le ragazze molto giovani che hanno capelli leggermente mossi e non vogliono apparire né troppo piccole, né troppo mature, ma risaltare nella loro giovinezza. La riga al centro tende a risaltare le particolarità del volto, quindi pretende armonia e figura più armonica del tondo, per definizione tale, non c’è. Evitiamo di utilizzare la riga centrale se abbiamo difetti o asimmetrie perché tende ad evidenziarli: utilizziamola, invece, se vogliamo risaltare la bellezza del nostro viso perché lo valorizza, ed esalta gli zigomi.
  • Donne con viso spigoloso. Per questo tipo di donna, magari con un volto un po’ androgino e zigomi molto pronunciati, è assolutamente indicato l’utilizzo di una riga di lato tesa ad addolcire i lineamenti stessi. La riga di lato dona movimento e fluidità alla capigliatura e non serve a distogliere l’attenzione dai lineamenti marcati del viso, anzi, li esalta, facendoli divenire un pregio invece che un potenziale difetto ed abbellendoci.