Home Economia Personale Rottamazione Auto, con il Decreto Rilancio potrebbe arrivare uno sconto fino a...

Rottamazione Auto, con il Decreto Rilancio potrebbe arrivare uno sconto fino a 4.000 Euro

Rottamazione Auto

Il Pd, Leu e Italia Viva hanno avanzato una proposta da inserire nel Decreto Rilancio per la Rottamazione Auto, ovvero un provvedimento che se effettivamente fosse poi approvato dal Governo consentirebbe, per chi vuole acquistare un’autovettura Euro 6, di ricevere uno sconto di 4.000 Euro per la rottamazione di un veicolo vecchio di 10 anni.

 

Rottamazione Auto, tutto quello che c’è sapere sulle possibili novità in arrivo

Attraverso il provvedimento per quanto concerne la  nuova Rottamazione Auto si trova al vaglio della Camera, dove ricordiamo è stato presentato dal Pd, Leu Italia Viva che vogliono offrire ai proprietari di un veicolo, di almeno 10 anni di vita, di ricevere uno sconto di 40.000 Euro di cui 20.000 verrebbero erogati dallo Stato, mentre l’altra metà sarebbe a carico del concessionario.

Ovviamente, questa agevolazione è riservata solo è esclusivamente gli automobilisti che intendono rottamare la loro vecchia automobile (di 10 anni di vita) per acquistare una nuova vettura Euro 6, la quale deve però emettere delle emissioni di CO2 superiori a 61g/km e, qualora il testo venisse approvato, sarà possibile usufruirne a partire dal 1 Luglio fino al 31 Dicembre di quest’anno.

Per l’anno prossimo, quindi per il 2021, il Bonus previsto sarebbe invece di 2.000 Euro perché lo sconto sarà dimezzato sia per quanto riguarda l’erogazione statale, sia per la restante parte che spetta al concessionario, poi sempre una cifra pari a 2.000 Euro di sconto verrà concessa anche senza rottamare l’automobile vecchia, a patto però che si intenda acquistare una macchina a emissione Euro 6.

Tra l’altro in questa proposta Legge (che ricordiamo non è assolutamente stato ancora approvato) è anche pensato di incentivare l’acquisto delle autovetture usate, in questo caso però il proprietario deve rottamare il suo vecchio veicolo a emissione Euro 3, va bene anche se più vecchio, a favore di uno immatricolato almeno Euro 5.

Nello specifico in questo caso non si riceverà un Bonus corrispondente a una determinata cifra, in quando il provvedimento prevedere che il proprietario sia dispensato (o meglio esonerato) dal pagamento degli oneri fiscali, i quali sono dovuti o se di preferisce previsti sui costi di trasferimento dell’automobile usata comperata.