Home Economia Personale Separazione, se il coniuge abbandona il tetto coniugale l’addebito sarà a suo...

Separazione, se il coniuge abbandona il tetto coniugale l’addebito sarà a suo carico

Mutui Prima Casa

La Corte di Cassazione ha deciso di aggiungere un nuovo principio per quanto riguarda la Separazione, ovvero è stato stabilito che qualora il coniuge abbandonasse, volontariamente, il tetto coniugale si vedrà addebitare i costi della stessa in quanto ha violato uno dei principi fondamentali del matrimonio, la coabitazione.

 

Separazione, l’addebito è a carico del coniuge che abbandona il tetto coniugale

Se uno dei due coniugi abbandono volontariamente e senza una valida motivazione il tetto coniugale non si vedrà solo addebitare la Separazione, infatti il fuggitivo non avrà nemmeno diritto a percepire l’assegno di mantenimento, ovviamente nel caso ci fossero i presupposti per riceverlo ma non è finita qui, perché perderà anche i diritti successori acquisiti con il matrimonio.

Inoltre, violare il principio fondamentale della coabitazione e andarsene dalla casa familiare può comportare una condanna a risarcire il proprio coniuge, invece qualora si riuscisse a dimostrare di avere validi motivi per abbandonare il tetto coniugale, portando prove concrete che la decisione è stata maturata a causa del proprio ex oppure perché la coppia stava affrontando un periodo di forte crisi, allora la Separazione non potrà essere addebitata automaticamente.

Questo è quanto è stabilito dalla Corte di Cassazione, la quale emettendo la sentenza n. 12241 del 23 giugno 2020 ha aggiunto un nuovo e importante principio, ovvero che qualora il coniuge abbandonasse il tetto coniugale si vedrebbe addebitare automaticamente tutti i costi della Separazione, ovviamente se non ci sono validi motivi.

Tra l’altro l’addebito, che avverrebbe per colpa, viene imposto  automaticamente anche qualora non si riesca a provare che il coniuge fuggitivo ha deciso di lasciare l’abitazione di famiglia a causa una relazione extraconiugale.

Infine, anche se non sempre, l’abbandono del tetto coniugale può costituire un vero e proprio reato, in quanto maturare questa decisione senza valido motivo e agendo con volontarietà comporta lasciare il proprio coniuge e gli eventuali figli senza assistenza morale ed economica, ovvero potrebbe essere riconosciuta la violazione dell’Articolo 570 del Codice penale e venire reclusi per un anno.