Home Salute Smartphone: Dipendenza Bambini e Adolescenti. Uno Studio la Definisce una Malattia Psichiatrica

Smartphone: Dipendenza Bambini e Adolescenti. Uno Studio la Definisce una Malattia Psichiatrica

smartphone

Ogni tanto si parla della dipendenza da smartphone e cellulari ed ancor più spesso lo si fa quando il discorso verte sui bambini, sui più piccoli quasi ipnotizzati davanti allo schermo che emette luce blu, ovvero sugli adolescenti, nella piena fase di crescita in cui avviene una tempesta ormonale.

Il prestigioso King’s College di Londra, attraverso una ricerca ed uno studio approfondito sui dati e le informazioni disponibili, ha accertato il sospetto che i cellulari siano come una droga e si inneschino dinamiche rappresentabili come una vera e propria patologia psichiatrica, al pari della ludopatia o altre malattie simili.

Gli esperti hanno chiamato questo disordine psichiatrico correlato all’uso smodato degli smartphone con il termine di PSU, ossia Problematic Smartphone Usage (Utilizzo problematico del cellulare).

Si è arrivati a questa conclusione radicale perché gli esperti hanno verificato che, privando i teenager di questi device, questi manifestano comportamenti e sintomi tipici della dipendenza (ansia, irrequietezza, stress, ira, etc.) fino a spingersi al panico. La medesima cosa accade quando si rimane senza rete, ovvero senza campo e internet: in quei frangenti i ragazzi sembrano persi e confusi, privati di un elemento che giudicano oramai parte di loro stessi.

Una disfunzione comportamentale vera e propria causata anche dalla volontà di alcuni grandi colossi ed industrie votate a rendere le persone consumatori a 360°. In ogni caso le colpe sono molteplici, sia sociali, sia tecnologiche, ma anche comportamentali e nessuno dovrebbe sentirsi non responsabile di fronte a questa situazione.

 

Lo Studio

I ricercatori del centro di ricerca UK hanno approfondito ed analizzato i vari studi fatti sull’argomento agendo in quella che si definisce tecnicamente una meta-analisi. Da questi , è emerseo che mediamente il 23% dei bambini e giovani adulti (fino all’età di 25 anni), soffrirebbe di questa patologia, la PSU.

I dati sono giunti da oltre 40 analisi nelle quali sono stati studiati e coinvolti ben 41.871 giovani. Numeri che non possono certo essere poco significativi, ma definiscono un campione abbastanza rappresentativo della popolazione totale, seppur casuale e non soggetto a determinate e precise linee inferenziali.

Questo studio è altrettanto importante perché è la prima volta che si prendono in considerazione numeri così alti: i dubbi sui risultati, dunque, non ci sarebbero. Gli adolescenti, privati dell’oggetto sentito come prolungamento del loro essere, iniziavano a manifestare problematiche e comportamenti disfunzionali tipici della dipendenza. Alcuni sfociavano in veri e propri scatti d’ira ovvero sbalzi umorali se si chiedeva loro di ridurre il tempo passato sul cellulare a chattare ovvero colloquiare tramite messaggi, sottolineando ancor di più quest’aspetto ipnotico dei social network e del device in particolare.

Lo studio, disponibile in formato pdf a questo link sulla rivista Psychiatry del British Medical Council, ha dimostrato scientificamente senza alcun dubbio che usare il cellulare smodatamente comporta diversi problemi legati al ritmo circadiano (sonno compreso, quindi insonnia), depressione e incapacità nel concentrarsi sugli studi, aggravando situazioni di soggetti già propensi a sviluppare queste problematiche.

Gli autori della ricerca non hanno di certo biasimato gli smartphone, ma hanno sottolineato come essi siano oramai indispensabili, ma proprio per questo occorre riuscire a modulare il loro uso intervenendo quando l’utilizzo diventa disfunzionale o problematico.  In questo si vogliono coinvolgere anche le famiglie ed i genitori, chiamati, ancora una volta, ad educare i propri figli aiutandoli a dominare gli impulsi che arrivano dall’esterno e che sospingono sugli aspetti più emozionali ed emotivi profondi del nostro cervello, fino ad incentivare la dipendenza.

Il Ruolo dei Genitori

La ricerca, nonostante la certezza della PSU, ossia la dipendenza da smartphone comprovata in talune situazioni, non è riuscita però a scindere le cause scatenanti di questa, ossia i ricercatori non sanno valutare se pesi più lo smartphone in sé sul problema, ovvero le singole App legate soprattutto all’ambito dei social network ovvero della messaggistica in tempo reale, come Facebook, Instagram, Whatsapp, TikTok ed altre.

Nicola Kalk, membro e professore dell’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze del King’s College di Londra, nonché collaboratore della ricerca, ha sollevato e richiamato al dovere ancora il ruolo dei genitori nel tentare di arginare questa problematica, sottolineando come non sia possibile biasimare le varie componenti dello smartphone ed in quale entità. Ecco il suo pensiero:

E’ assolutamente necessario sensibilizzare l’opinione pubblica sull’uso degli smartphone nei bambini e nei giovani. Soprattutto i genitori dovrebbero però essere consapevoli di quanto tempo i loro figli trascorrono al telefonino.

 

Consigli e Distorsioni sulla Percezione del Tempo

Il filosofo Bergson scrisse un trattato sul Tempo come Durata per comprendere e relativizzare il concetto stesso di questa variabile divenuta famosa proprio nel secolo precedente a livello multidisciplinare, grazie anche alla teoria della relatività ristretta di Einstein.

Proprio a questi concetti psicologici richiama la ricerca stessa quando sottolinea che i ricercatori, mostrando il tempo trascorso durante il giorno sui loro dispositivi ai ragazzi, questi esprimevano stupore e meravigli ed erano quasi increduli. Come ben sappiamo, basta accedere ad un determinato pannello del sistema operativo per avere il grafico del tempo trascorso su di una App, ovvero sulle Chat o giocando ad un gioco se non relativo alla Connessione Dati stessa (quindi ad Internet).

Questa possibilità è molto utile proprio per dare un senso reale ai propri figli e creare ciò che si chiama consapevolezza acquisita dei dati provenienti da fonti attendibili. Quando educhiamo i nostri figli, dobbiamo comunque stimolarli e renderci conto che siano individui diversi da noi, con i loro pensieri e la loro intelligenza: individui comunque in grado di ragionare e rendersi conto di quanto accade loro.

Gli psicologi, infatti, consigliano i genitori di risolvere eventuali problemi di PSU, ovvero di dipendenza dagli smartphone, soprattutto con il dialogo, la fiducia ed il rispetto, nonché affrontando la questione con dati reali cui è impossibile dare contro.

Se la dipendenza da smartphone riguarda un giovane e non un bambino, dunque, adottiamo il dialogo e discutiamone in famiglia, ma facciamolo prima che sia troppo tardi ed i sintomi diventino quasi irreversibili.