Home Salute Un Bicchiere di Vino Rosso al Giorno fa Dimagrire

Un Bicchiere di Vino Rosso al Giorno fa Dimagrire

Vino Rosso

Le proprietà miracolose del vino come nettare dell’uva sono riconosciute e risalgono alla notte dei tempi, ma la ricerca scientifica ci permette sempre più di approfondire e conoscere dinamiche metaboliche e fisiologiche sempre più intriganti, da ogni punto di vista.

Un bicchiere di vino al giorno, oppure due, non fanno certo male, anzi, sono spesso indicati nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, sempre che non si esageri, vista l’alta tossicità dell’alcol soprattutto a carico del metabolismo delle cellule nervose.

La novità sta nel fatto che un bicchiere di vino rosso al giorno, alla sera, toglierebbe il medico dietista di torno, ovvero farebbe dimagrire. Alcuni ricercatori dell’Università di Alberta, in Canada, hanno dimostrato che un bicchiere di vino rosso assunto alla sera equivarrebbe ad un’ora di palestra.

Chi cerca alternative alla fatica oppure vuole prendere due piccioni con una fava (godersi un bicchiere di vino e dimagrire allo stesso tempo), può seguire questo principio chimico-organico.

Tecnicamente, la ricerca condatta da Jason Dyck dell’Unio, ha palesato i benefici del composto denominato resveratrolo presente nel vino rosso. Questo elemento impedirebbe agli adipociti, ossia le cellule di grasso presenti nel nostro corpo, di guadagnare densità ed espandersi.

Una notizia verificata anche da altri ricercatori. Gli scienziati della Washington State University e quelli di Harvard sono arrivati alla medesima conclusione: un bicchiere, ovvero due, di vino rosso bevuto la sera prima di andare a dormire può coadiuvare la persona nel perdere peso.

In base ai dati emersi dagli studi, l’assunzione di questo resveratrolo aiuterebbe la persona ache beve almeno due bicchieri di vino la sera a prevenire un aumento di peso del 70%: il rosso è più indicato perché contiene una più alta concentrazione di resveratrolo.

Un punto a favore di questo nuovo elemento che è testato anche dalla NASA in funzione futura: potrebbe essere utilizzato negli integratori forniti agli astronauti.