Warren Buffett Genio della Finanza. Vende Le Azioni delle Compagnie Aeree ma Predica Fiducia nel Futuro

Warren Buffett Genio della Finanza. Vende Le Azioni delle Compagnie Aeree ma Predica Fiducia nel Futuro

Warren Buffett è un genio della finanza, o meglio, sa sicuramente come si fa ad aumentare il proprio patrimonio personale nonostante qualche caduta d’azzardo. In questo momento nel quale tutte le compagnie aeree sono a terra e subiranno dei danni economici e finanziari a causa della pandemia e dell’obbligo di distanze, Buffett decide, al pari di altri, che questo non è il momento di puntare su di loro.

La Finanza


Incurante del lavoro, della sopravvivenza delle compagnie stesse e del futuro di queste, Buffett, alla pari di tanti altri capitalisti, ha deciso di far venire meno le risorse alle quattro maggiori compagnie aeree che si rivolgono al mercato dei capitali per reperire liquidità: Delta, American Airlines, Southwest e United.

Naturalmente è naturale per la persona tutelare il suo capitale ed è normale cercare una remunerazione ottimale, la più alta possibile, nel sistema che caratterizza i mercati e le piazze borsistiche.

Purtroppo la crisi economica globale e la pandemia ingenerano una disfunzione critica che metterà a dura prova qualsiasi sistema economico e finanziario creato dalla mente umana: perché, al di là della bontà comprovata del neo liberismo in ragione di altri sistemi, quali il comunismo, che utilizzano armi improprie per giocare alle stesse regole, ci sono sempre dei punti deboli e delle falle.

Buffett Vende, ma …

Tornando a Buffett, quello che è chiamato l’Oracolo di Omaha a causa delle sue scelte ponderate e ben assestate d’investimento, alla pari di un guru della finanza e sicuramente con la capacità d’influenzare moltissimi allo stato attuale, ha annunciato questa mossa durante l’assemblea annuale della sua società Berkshire Hataway. Assemblea riunitasi per la prima volta in ambito virtuale proprio a causa della pandemia.

Buffett è noto per essere un investitore poco propenso al rischio e molto orientato alle industrie e ai business scalabili, preferibilmente in settori maturi. Il suo giudizio sulle compagnie aeree allo stato attuale pesa in tal senso su tutto il settore.

L’Oracolo ha ammesso un suo errore di valutazione quando, ad aprile, aveva deciso d’investire massicciamente nel comparto degli aerei, tanto che si era parlato di un suo possibile ruolo da proprietario in una di queste quattro compagnie aeree (possedeva quote superiori al 10% per quanto concerne Delta e Southwest, 10 miliardi di dollari in tutte e quattro le compagnie alla fine del 2019 n.d.r.). Un errore che di certo non poteva prevedere la possibilità di una pandemia che avrebbe colpito tutto il mondo, non solo il settore aereo e quello della mobilità.

Dopo il Coronavirus, infatti, il mondo dei viaggi e del turismo è assolutamente in ginocchio e Buffett ha acclarato questa situazione decidendo di vendere circa 6,5 miliardi di titoli detenuti in portafoglio, in cui figurano per la maggior parte azioni di queste compagnie.

Futuro Roseo. Usa ce la Faranno

Nonostante la situazione, il magnate è ben consapevole che, finita la pandemia, ci saranno vuoti da colmare e chi deterrà il capitale liquido riuscirà ad accaparrarsi fette di aziende davvero interessanti.

Secondo Buffett, gli Stati Uniti d’America non crolleranno di certo sotto il peso di questo virus, ricordando il “miracolo dell’America che ha sempre prevalso e continuerà a farlo”. Gli USA hanno infatti passato alcuni momenti difficili, tra cui il periodo della Seconda Guerra Mondiale, la crisi dei missili nucleari a Cuba, l’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre e la crisi finanziaria scoppiata con i mutui subprime pochi anni fa.

Proprio per questo Buffett ha fiducia e aspetta con ansia il momento in cui ci sarà la rinascita, perché allora il suo capitale aumenterà moltissimo se saprà investirlo adeguatamente. Da patriota vero, inoltre, l’Oracolo di Omaha ha parole al miele per la sua nazione e per il tempo in cui stiamo vivendo, il più ricco di benessere nella storia dell’uomo.

Se si potesse dovessi scegliere un giorno e un posto per nascere non si sceglierebbe il 1720, o il 1820 o il 1920. Si sceglierebbe oggi e si sceglierebbe l’America. Sin da quando è stata fondata l’America, tutti hanno sempre voluto venire qui.